Attacco terroristico a Dacca, una delle vittime è catanese, lunedì lutto cittadino e bandiere a mezz’asta per onorare le vittime della strage

La strage di Dacca

“Un nuovo orribile atto di terrorismo che questa volta tocca in maniera diretta la nostra comunità”. Così il sindaco di Catania e Presidente dell’Assemblea Nazionale dell’Anci, Enzo Bianco, nel momento in cui ha appreso la notizia della morte della catanese Adele Puglisi nella strage avvenuta a Dacca nel Bangladesh.

“Siamo vicini sia come amministratori sia come cittadini alla famiglia Puglisi ma anche a tutte le altre famiglie, italiane e non, coinvolte in questa nuova tragedia – aggiunge Bianco –, condannando con forza e decisione l’ennesimo episodio di cieca e violenta intolleranza religione. Non ci sono più parole per descrivere l’indignazione, la condanna, il dolore per questa follia che cerca di travolgere la normale vita quotidiana di tutti noi. Oggi più che mai è necessario rimanere uniti in questa lotta: solo così potremo sconfiggere il terrorismo. Ci aspettiamo che di fronte al persistere di queste azioni inumane che la Comunità internazionale e gli organismi specializzati intensifichino gli sforzi comuni per fermare questa drammatica escalation”.

Comune di Catania
Comune di Catania

Il sindaco di Catania e Presidente dell’Assemblea Nazionale dell’Anci, Enzo Bianco, ha proclamato per lunedì  4 luglio il lutto cittadino in onore delle vittime della strage di Dacca in Bangladesh tra le quali c’è anche la catanese Adele Puglisi. Lunedì, dunque, le bandiere della Repubblica italiana e dell’Unione europea negli uffici pubblici saranno esposte a  mezz’asta.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*