Al Castello Ursino di Catania dal 7 Luglio al 4 Agosto la rassegna “Oggi vi vogghiu cuntari…”, sei lavori che raccontano la Sicilia, a cura dell’associazione Gammazita

Linguaggi teatrali

L’Associazione culturale Gammazita, per “Estate in Città” contenitore di eventi organizzato dal Comune di Catania per la stagione estiva 2016, presenta la rassegna teatrale “Oggi vi vogghiu cuntari…”. Si tratta di sei differenti spettacoli di teatro che, attraverso diversi linguaggi e generi, raccontano la Sicilia: quella popolare e popolana, quella della vita di quartiere, quella delle eroine e dei paladini che custodiscono la storia della nostra terra. La rassegna si terrà dal 7 luglio al 4 agosto dentro il Cortile Interno del Castello Ursino di Piazza Federico II di Svevia a Catania.

La locandina della rassegna
La locandina della rassegna

Ci piaceva – racconta Manola Micalizzi, presidentessa dell’Associazione Gammazita -l’idea di riuscire a raccontare la dimensione sociale della vita di quartiere e farlo attraverso linguaggi e personaggi che si nutrono dello spirito popolano e di storie tradizionali.. È per questo che arriva in scena al Castello Ursino la sensation seeker Patrizzia di Savì Manna, una “quatteriota” di mezza età che vende pesce alla Pescheria di Catania ma che vive della ricerca di stimoli e sensazioni fuori dal comune, vivendo ai margini della società. O l’arcaico mito di Gammazita, eroina catanese della Guerra del Vespro, che attraverso la Commedia dell’Arte riuscirà ad ottenere la sua rivincita sulla cattiva sorte che le toccò all’epoca degli angioini. E poi ci sono i Fratelli Napoli, che in questo stesso quartiere – il nostro quartiere – che si estende dal mercato storico del pesce fino al cuore più profondo di San Cristoforo passando per il bel Castello Ursino, hanno la loro storica bottega del puparo e che porteranno in scena una tragedia scritta da Shakespeare ma che risponde a pieno alla fondamentale cifra ideologica dell’Opera dei Pupi e della società sicula: l’aspirazione a un ordine del mondo più giusto. La cosa che ci rende più felici è che tra “parraturi” e “manianti” andrà in scena tutta la formazione della Marionettistica Fratelli Napoli al completo, dai pupari più anziani a quelli della nuova generazione”.

“E poi c’è la Terra di Sicilia – conclude Micalizzi – quella di Rosa, ingrata, amata e commovente, di Tiziana Francesca Vaccaro che ci racconta con uno spettacolo teatrale, già pluripremiato, la cantatrice del sud Rosa Balistreri; quella delle lumie riscoperta attraverso un linguaggio contemporaneo circense-acrobatico dal performer messinese Francesco Mirabile ed ancora la Terra “Fimmina” del tetro-musica di Alice Ferlito e Giampaolo Terranova”.

Possibilità di acquistare abbonamento per 6 spettacoli al costo di 50 euro, Biglietto ridotto al costo di 7 euro per studenti (esibendo attestazione alla cassa) – Ingresso gratuito per i bambini al di sotto dei 10 anni e per gli over 65. Per motivi logistici ogni spettacolo può raggiungere un numero massimo di 150 spettatori. Vale ordine di arrivo al botteghino. Conservando il biglietto d’ingresso si può usufruire di uno sconto per visitare la mostra “Museo della Follia” in corso nelle sale espositive del Castello Ursino.

Per informazioni potete rivolgervi a: Veronica +39 366 6754041/ Francesca +39 324 7439690 / Daniele +39 3511789119 – Mail: comunicazionegammazita@gmail.com – Tel. 366 6754041 oppure 351 1789119.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*