Ancora controlli della Polizia nel quartiere di Picanello, rinvenuta stalla con cavallo in un cortile/condominio ed allacci abusivi alla rete elettrica

Polizia

Nella giornata di ieri, in ottemperanza alle direttive impartite dal Questore di Catania Marcello Cardona, personale dipendente del Commissariato Borgo-Ognina effettuava controlli straordinari nel quartiere considerato ad alta densità criminale di Picanello. In via Maria Gianni è stata rinvenuta una stalla abusiva con all’interno un cavallo, ed è stato sanzionato un noto pregiudicato attualmente sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Catania, illecito contestatogli da personale dell’Asp che, pertanto, gli ha irrogato la sanzione di euro 10.380,00 per la mancanza del relativo codice aziendale richiesto per la stalla, ubicata all’interno di un cortile/condominio dove insistono altre abitazioni e box garage.

Allacci abusivi alla rete elettrica
Allacci abusivi alla rete elettrica

Gli Agenti, insospettiti dalla presenza di alcuni cavi elettrici pendenti, richiedevano l’intervento dei tecnici Enel, a seguito del quale veniva accertato che l’intero condominio era allacciato abusivamente alla rete elettrica; quindi, si è proceduto a denunciare in stato di libertà per il reato di furto di energia elettrica alcuni degli occupanti presenti al momento dell’accertamento. A seguire, gli operatori della Polizia di Stato si sono recati nell’abitazione del sorvegliato speciale e nella macelleria di carne equina della moglie sita in via Macaluso, dove, solo grazie all’abbattimento di alcune pareti in cemento mediante l’utilizzo di idonea strumentazione, l’Enel ha rinvenuto un ingegnoso e ben occultato sistema ideato per il furto dell’energia elettrica.

Nel condominio gli occupanti identificati hanno riferito di avere un “contratto di locazione verbale” e per tale motivo si procederà ad irrogare le dovute sanzioni ai proprietari dell’immobile. E’ stata altresì rinvenuta una struttura in cemento grezzo e senza rifiniture (senza dimostrazione sulla regolarità urbanistica) e per tale motivo è stato richiesto anche l’intervento dei Vigili Urbani per le relative contestazioni penali in materia di abusivismo edilizio.

Attualmente gli indagati in stato di libertà sono 3, tutti pregiudicati e sono in corso ulteriori accertamenti volti a identificare gli altri autori, poiché sono stati ravvisati ulteriori reati.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*