Via alla stagione della Sala Magma di Catania, il 4 Novembre debutto con “Medea o della donna assoluta”, da Euripide, regia di Gianni Scuto

Nella foto Mimmo Maugeri Barbara Cracchiolo e Alessandro Gambino (Foto Salvo Nicotra)

Chiusa la rassegna del Comune al Castello Ursino, il Centro Magma ritorna nella propria sede; sarà lo spettacolo “Medea o della donna assoluta”, da Euripide, per la regia di Gianni Scuto, realizzato in collaborazione da Teatro Gamma e Centro Magma, ad inaugurare la stagione 2016-2017 della storica Sala di via Adua 3. Un inizio scoppiettante per un programma che si preannuncia di particolare impegno. Questa Medea si discosta alquanto dall’originale euripideo, da cui è tratta: non c’è il coro né alcuni dei personaggi con cui la protagonista dialoga nell’originale; i fatti si evolvono velocemente, senza narrazione degli antefatti; né c’è il ricorso finale al “deux ex machina” (il carro del Sole) che salva la maga dall’ira di Giasone e dalla vendetta dei Corinti per condurla verso la definitiva disperazione.

Il regista Gianni Scuto (Ph. Salvo Nicotra)
Il regista Gianni Scuto (Ph. Salvo Nicotra)

Secondo la nota di regia, “Medea si presenta così, falsamente, come una creatura quasi inconsapevole e trascinata nel baratro della gelosia e dell’odio da un Giasone, ambiguo a tratti, ma anche ingenuo e totalmente dipendente dalla forza carismatica della personalità della donna. Quando Giasone riuscirà finalmente a prendere coscienza di essere stato solo un mezzo e un fine di una vendetta spudorata e feroce, sarà troppo tardi: l’inevitabile finale tragicissimo con l’uccisione dei figli e con l’annientamento di Creonte e della sua giovane figlia per mano criminale della magica donna assoluta, sarà ormai cosa fatta. In una scena minimalista, tra bambole e giocattoli, sangue e filtri magici, il rituale di morte è già compiuto. La musica, ora derivata da assonanze orientali, ora da cori dissonanti, ora dal “Te Deum” di Hector Berlioz, accompagnerà il pubblico attraverso quest’inevitabile percorso di morte”.

Sarà Barbara Cracchiolo a vestire i panni di Medea, mentre Mimmo Maugeri darà vita a Giasone e Alessandro Gambino a Creonte; l’impianto scenico è di Aldo Calcina, mentre i costumi sono della sartoria Gagliani. Al debutto, previsto per venerdì 4 Novembre, alle ore 21, seguiranno quattro repliche (sabato 5, ore 21 e domenica 6, ore 18,30 e, nel successivo fine settimana, il 12, alle ore 21 e il 13, ancora alle 18,30).
Biglietto: 10 euro (ridotto: 7 euro); prenotazioni e informazioni: 3333337848; mail@centromagma.it o pagina Fb “Sala Magma”.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*