Dopo le “Principesse senza corona” di Barbara Gallo stasera in scena al Giardino Fava di Catania “Sempre tua” di Antonella Caldarella

"Sempre tua" di Antonella Caldarella

Prosegue stasera, nello Spazio Giardino Pippo Fava di via Caronda 84, a Catania (residenza estiva della compagnia Fabbricateatro) la rassegna “Giardino d’Estate in via Caronda”, organizzata da Elvio Amaniera, con la collaborazione di Elio Gimbo, Daniele Scalia e Bernardo Perrone. Dopo “Moby Dick. Tamburi lontani” con  Giuseppe Carbone e l’accompagnamento alla batteria di Francesco Cusa e “Principesse senza corona” di e con Barbara Gallo – con la voce di Mimmo Mignemi -, stasera, alle ore 21.00, andra in scena “Sempre tua” di Antonella Caldarella, produzione di Teatro Argentum Potabile, musiche originali di Steve Cable.

Antonella Caldarella in scena

Sola in scena, l’autrice-interprete presenta una storia di amore che diventa possesso, violenza. Le continue variazioni di atmosfera, le evocazioni tragi-comiche delle figure della Madre e della Nonna, la graduale discesa negli inferi della violenza domestica ed infine la sorpresa finale sulla vera natura di ‘Bianca’ vengono accompagnate da una colonna sonora originale suonata dal vivo, stimolando una profonda riflessione. Anche stasera l’ingresso, con rinfresco (anguria/spumante), è di 10,00 euro. Info: 328.8970009.

Mercoledì scorso intanto tutto esaurito al Giardino Pippo Fava per la pièce di Barbara Gallo che, in circa 60′, con “Principesse senza corona”, ha convinto e divertito il pubblico con un bizzarro percorso – in stile cabarettistico “psicoanalitico” – in un mondo delle fiabe agganciato ai nostri giorni, tra lifting e liposuzione, alimenti biologici, valzer e tango, principi che parlano di tasse, vecchie principesse o signore che cercano la perduta bellezza e mariti ricchi.

Barbara Gallo

Abile intrattenitrice ed applaudita dal pubblico del Giardino Fava, Barbara Gallo sulla scena materializza- supportata dalla sicilianissima voce di Mimmo Mignemi – le manie, le nevrosi, le fragilità e le debolezze di Grimilde, di Biancaneve e di Cenerentola, tra favola ed attualità e soprattutto tra ossessione della bellezza, dei “mi piace” e dei social in genere che hanno, ormai, modificato la nostra esistenza.

Gli ultimi due appuntamenti della rassegna organizzata da Elvio Amaniera, saranno il 27 Agosto con “Nel giardino degli incanti” – Le Avventure del giovane che si trasformò in statua di e con Chiaraluce Fiorito, un racconto interattivo ed itinerante ed il 29 con “Asini” – La storia come non l’avete mai sentita” di e con Vincenzo Quadarella, musicista, scrittore, sound designer siracusano. Realizzato da Quasi Anonima Produzione.

 

di Maurizio Sesto Giordano 675 Articles
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, ha collaborato per oltre venticinque anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggiquotidiano.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*