Si conclude stasera allo Spazio Fava di Catania la rassegna “Giardino d’Estate” con “Asini” di Vincenzo Quadarella

"Asini" con Vincenzo Quadarella

Ultimo appuntamento stasera, alle ore 21.00, nello Spazio Giardino Pippo Fava (residenza estiva della compagnia Fabbricateatro) di via Caronda 84, a Catania  per la rassegna “Giardino d’Estate in via Caronda”, organizzata da Elvio Amaniera, con la collaborazione di Elio Gimbo, Daniele Scalia e Bernardo Perrone.

La rassegna, che ha offerto cinque gradevolissimi e seguiti appuntamenti di teatro, letteratura, musica e riflessioni, stasera presenterà,  realizzato da Quasi Anonima Produzione, “Asini” – La storia come non l’avete mai sentita” di e con Vincenzo Quadarella, musicista, scrittore, sound designer siracusano.

La storia è raccontata da una prospettiva completamente stravolta: attraverso personaggi che si sono ostinati, fortemente ostinati, ad andare controcorrente, nonostante tutto, tutti quegli ASINI caparbi, cocciuti, testardi e profondamente giusti. Uomini di stato, giornalisti, artisti, “missionari”, uomini che si sono dati, concessi completamente e che spesso sono stati capiti e amaramente rimpianti post-mortem. Così si passa da Toscanini a Chinnici, da Rosa Parks ai “ragazzi della rosa bianca”. Il concerto alterna la suggestione del racconto, della chiacchierata attraverso aneddoti poco noti del panorama storico novecentesco, al fascino delle canzoni dei più grandi autori del cantautorato italiano affiancate da inediti di Vincenzo Quadarella.

“Fino a qualche decennio fa il nostro Paese – spiega Vincenzo Quadarella –aveva intellettuali come Pasolini. Oggi tra i punti di riferimento culturale dei giovani c’è Fabio Volo. La domanda che mi pongo e che sta alla base dello studio di ‘Asini’ è: com’è possibile che sia accaduto questo? Quando il nostro Paese è diventato mediocre? Quando l’omologazione del pensiero è divenuta così totalizzante da soffocare ogni possibile ‘voce fuori dal coro’? Perché non sembrano esserci più degli “Asini” che alzino la mano e dicano ‘ma…’, proponendo un’alternativa?“.

Spettacolo + rinfresco (anguria e prosecco) 10.00 euro. Info e prenotazione: 328 8970009.

Nella foto Giuseppe Carbone e Francesco Cusa

Ricordiamo che la rassegna “Giardino d’Estate in via Caronda”, ha presentato come prima proposta “Moby Dick. Tamburi lontani” di e con Giuseppe Carbone e con alla batteria Francesco Cusa, una piacevole e magica sortita nel mondo di Herman Melville.

Barbara Gallo

E’ stata poi la volta di “Principesse senza corona”, monologhi da fiaba di e con Barbara Gallo, con la voce di Mimmo Mignemi, un folle e divertente percorso teatrale “psicoanalitico”, nel mondo delle fiabe, vissute, interpretate e non raccontate in maniera tradizionale, per adulti che non vogliono dimenticare di essere stati bambini.

Antonella Caldarella

A seguire poi “Sempre tua” di e con Antonella Caldarella, una storia d’amore che diventa possesso, violenza ed infine omicidio, con musiche originali di Steve Cable, capace di stimolare una profonda riflessione sul – purtroppo – sempre attuale “Femminicidio”, produzione Teatro Argentum Potabile.

Chiaraluce Fiorito

Infine “Nel giardino degli incanti” – Le Avventure del giovane che si trasformò in statua di e con Chiaraluce Fiorito, un racconto interattivo ed itinerante, una Fiaba tradizionale dell’antico popolo rumeno fa da collante alle tradizionali sonorità siciliane e marionettistiche. Una pièce in cui il connubio suggestivo tra parola e gestualità riporta alla ribalta la tradizione orale del racconto e della tradizione fiabesca.

di Maurizio Sesto Giordano 675 Articles
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, ha collaborato per oltre venticinque anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggiquotidiano.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*