Piogge, allagamenti e code nella IV municipalità, Erio Buceti: “I cittadini pagano un prezzo altissimo”

Traffico, buche e allagamenti

Interi quartieri assolutamente bloccati e attese di ore prima di poter raggiungere il posto di lavoro o di accompagnare i figli a scuola. I proclami legati alla pulizia delle caditoie, vengono sistematicamente smentiti dai fatti. Una realtà che in questi ultimi giorni parla di strade completamente allagate, code chilometriche e voragini che mettono in serio rischio la pubblica incolumità. L’intero territorio della municipalità di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo sta pagando un prezzo altissimo in termini di sicurezza e vivibilità.

Come consigliere della IV circoscrizione Erio Buceti, ha raccolto le segnalazioni e le lamentele dei cittadini di un territorio attraversato ogni giorno da migliaia di pendolari che da Paternò, Adrano e Misterbianco devono raggiungere il centro di Catania. In questo contesto il quartiere di San Giovanni Galermo si ritrova con decine di strade completamente allagate e centinaia di auto costrette ad eseguire manovre pericolose per non ritrovarsi con la vettura in panne in mezzo al “solito” lago artificiale. Tra Cibali e San Nullo, invece, il traffico sulla circonvallazione procede continuamente a singhiozzo.

Strade allagate nella IV municipalità

Le parole dell’assessore D’Agata e il suo appello ad utilizzare i parcheggi scambiatori lasciano perplessi i cittadini: chiunque è perfettamente consapevole che la metropolitana non copre l’intera città ed anche usare la linea del Brt costringe i pendolari ad attese bibliche sotto l’acqua. Cosa deve fare chi proviene dai quartieri di Librino, Pigno, San Giuseppe La Rena, Zia Lisa, San Giorgio se non usare l’auto per raggiungere il centro cittadino? Stessa situazione la vivono i residenti di Cibali, San Nullo, San Giovanni Galermo e Nesima dove, per poter arrivare davanti alla fermata della metro, devono attraversare un tratto di circonvallazione completamente allagato ed estremamente pericoloso. Non va meglio per coloro che decidono di usare via Santa Sofia: qui, senza marciapiedi, bisogna usale gli stivali di gomma facendo grande attenzione alle auto che passano a tutta velocità costringendo le persone a bagni indesiderati.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*