“Io non rischio”, Catania tra le 27 città scelte per la campagna di buone pratiche di Protezione civile

Catania dall'alto

Catania è tra le 27 città italiane dove si svolgerà, contemporaneamente, “Io non rischio” la campagna nazionale di buone pratiche di Protezione Civile che vedrà  nelle piazze d’Italia, sabato 14 Ottobre, istituzioni, volontari di protezione civile e mondo della ricerca scientifica per diffondere la cultura della prevenzione e della sensibilizzazione sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.
A Catania la manifestazione avrà luogo in piazza Università dalle ore 9 alle ore 22, la giornata sarà caratterizzata dall’incontro tra il volontariato già formato e i cittadini che, insieme, attraverso percorsi legati alla memoria dei luoghi  acquisiranno la conoscenza dei rischi legati al territorio, nell’intento di scoprire cosa, ciascuno di noi, può fare per ridurre il rischio terremoto, maremoto e alluvione. In particolare, i volontari coinvolti, appartenenti in tutta Italia a 700 realtà associative, coinvolgeranno i catanesi a partecipare ad un appuntamento speciale:  la caccia al Tesoro “Io non rischio”.

L’iniziativa nazionale, nata nel lontano 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico , è promossa dal dipartimento della Protezione Civile con Anpas- associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Inv- Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis – Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. Per la parte relativa ai rischi maremoto e alluvione l’iniziativa ha il coinvolgimento di Ipsra-Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs- Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo Agenzia Interregionale per il fiume PO, Arpa Emilia Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, Cami Lab- Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione Idro Geologica.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*