Presentata al Centro Zo di Catania la 12^ edizione della rassegna “Altrescene” con ben sedici spettacoli in tre sezioni

La presentazione di Altrescene (nella foto da sinistra Scattina, Latino, Zinna e Granozzi)

Presentata stamattina al Centro Culture Contemporanee Zō  la 12^ edizione della rassegna di teatro contemporaneo Altrescene, organizzata e promossa da Centro Culture Contemporanee con la collaborazione di Teatro Massimo Bellini, Comune, Università, Accademia di Belle Arti di Catania e Rete Latitudini.

Si tratta, analizzando con cura il programma, di ben sedici spettacoli da Ottobre 2017 a Maggio 2018, suddivisi nelle tre sezioni che compongono la rassegna: Realtà Nazionali e  Internazionali, Nuova Drammaturgia Siciliana e Residenze di Creazione. A presentare iniziative di Zo e cartellone 2017-2018 Sergio Zinna della Direzione artistica, Luciano Granozzi (Delegato del Rettore dell’Università ai servizi culturali), Gianni Latino (Delegato del Direttore dell’Accademia di Belle Arti) e Simona Scattina (collaboratrice del docente Stefania Rimini). Sono anche intervenuti a parlare dei lavori che presenteranno durante la stagione il regista Federico Magnano San Lio, Pamela Toscano, Savi Manna e Joele Anastasi.

Nella foto da sinistra Savi Manna, Joele Anastasi, Sergio Zinna, Federico Magnano di San Lio

“Altrescene è una delle colonne portanti dell’attività di Zō, – ha spiegato Sergio Zinna,  direttore artistico di Zō e di Altresceneche da quest’anno ha avviato un nuovo progetto coinvolgendo una ventina di associazioni che operano sul territorio, il Parco dell’Etna e l’Accademia di Belle Arti con la quale, così come con l’Università di Catania, lavoriamo per ampliare la partecipazione delle nuove generazioni. Queste collaborazioni sono strategiche, così come lo è l’ingresso nella Rete Latitudini, il  circuito di teatri siciliani e in C.RE.S.CO – coordinamento delle realtà della scena coontenporanea, per quanto riguarda la scena nazionali. Sul fronte internazionale – ha aggiunto Zinna – saremo tra qualche giorno a Kiev per entrare nel Trans Europa Halles, network di centri culturali europei e poter realizzare a Catania un desk di informazione e supporto alla progettazione europea su progetti culturali”. 

Altrescene – alla quale nel corso della stagione si affiancheranno altre rassegne come Partiture, musica classica contemporanea, Raizes, musica folk e Pazol, teatro per bambini – segna anche uno sbocco per l’attività di ricerca e produzione portata avanti da Zō, che infatti nella rassegna produce o co-produce quattro spettacoli.

Daniel Pennac

“Non si tratta – ha aggiunto Zinna – del classico cartellone, ma di un contenitore che raccoglie diverse fasi creative, dai workshop alle residenze di creazione, agli incontri con gli autori, realizzati in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università e l’Accademia di Belle Arti. Altrescene prevede un corpo principale con 6 spettacoli di caratura nazionale e internazionale, tra i quali lo spettacolo di apertura “The Black’s Tales Tour” della compagnia Fibre Parallele, il 20 Ottobre e l’atteso “Un amore esemplare” che a Marzo vedrà in scena lo scrittore francese Daniel Pennac al Teatro Massimo Bellini, grazie al patrocinio del Comune di Catania, unico spettacolo che non sarà rappresentato da Zō; la sezione “Nuova Drammaturgia Siciliana” consta invece, di 8 spettacoli portati in scena da alcune delle realtà più interessanti del panorama teatrale siciliano e tra i quali vedremo delle prime assolute, come “Ogni storia ha la sua musica” di Savi Manna, il 27 Gennaio o “A Mani Nude”, la trasposizione di Pamela Toscano del romanzo biografico di Lucia Andreano, a Marzo; infine tre Residenze di Creazione il cui lavoro sarà poi rappresentato da Zō e un ciclo di 8 incontri con autori e attori i collaborazione con Università ed Accademia di Belle Arti”.

Il logo della rassegna

A sancire questa collaborazione sono intervenuti Simona Scattina, in rappresentanza della professoressa Stefania Rimini del corso di Discipline dello Spettacolo del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Ateneo; il professore Luciano Granozzi, Delegato del Rettore alle Attività Culturali per gli Studenti; i professori Gianni Latino (Graphic Design e Grafica Editoriale e Multimediale) e Umberto Naso (Scenografia e Scenotecnica) dell’Accademia di Belle Arti.

Spazio anche per parlare di alcune produzioni che saranno in scena per “Nuova Drammaturgia Siciliana”, con Joele Anastasi, autore e regista della compagnia Vucciria Teatro, che porterà in scena “Immacolata Concezione” a Gennaio, Savi Manna interprete e autore di “Ogni Storia ha la sua Musica”, spettacolo sulla Shoah in calendario per il 27 e 28 Gennaio, nel “Giorno della Memoria”, Federico Magnano di San Lio che cura la supervisione artistica degli spettacoli “Tifeo il tradimento dell’orecchio” e “Soggiorno Vicino” che vedranno sul palco Turi Zinna, rispettivamente a Novembre e a Febbraio, co-prodotti da Zō.

 GLI SPETTACOLI IN CALENDARIO…IN DETTAGLIO

Tutti gli spettacoli si terranno da Zō, tranne due: al Teatro Massimo Bellini il 6 marzo 2018 andrà in scena Un amore esemplare, che vedrà sul palco anche lo scrittore francese Daniel Pennac e, in chiusura di rassegna, dal 6 al 13 maggio 2018, il Cirko Paniko monterà il suo tendone davanti al complesso de Le Ciminiere per proporre lo spettacolo Gran Paniko al Bazar.

Fibre Parallele

Si comincia, intanto, venerdì 20 Ottobre con The Black’s Tales Tour di Fibre Parallele, testo e regia di Licia Lanera, una sorta di spettacolo horror che prende le mosse da cinque fiabe classiche – la Sirenetta, Scarpette rosse, Biancaneve, La regina delle nevi e Cenerentola. Per Nuova Drammaturgia Siciliana, il 5 Novembre va in scena Mari/age di Rosario Palazzolo, farsesca sagra kitsch dai tic proletari, pranzo di nozze con gli spettatori in veste di invitati sulle note di Al Bano e Romina, Fausto Leali e ancora Gen Rosso, il karaoke, un brindisi da compiere come rito iniziatico. Il 10 e 11 Novembre sarà la volta di Tifeo il tradimento dell’orecchio, che vedrà sul palco Turi Zinna, anche autore del testo e regista dello spettacolo: il vecchio Tifeo non riesce più a incutere terrore de-stabilizzando l’intero universo come fece ai tempi dell’insurrezione contro l’Olimpo e, dunque, come forma estrema di insubordinazione decide di conformarsi volontariamente alla cultura dominante. Tornando alla sezione principale, il 3 Dicembre andrà in scena Opera sentimentale di Camilla Mattiuzzo, progetto registico di Matteo Angius e Riccardo Festa (entrabi anche in scena) insieme con Woody Neri.

Nella foto Savi Manna

Dopo la pausa natalizia, dall’8 al 12 Gennaio la prima residenza creativa, rivolta alla scrittura con 5 autori che saranno selezionati per l’edizione corrente del premio NdN, tutor Francesco Nicoli. Per Nuova Drammaturgia Siciliana, il 13 e 14 Gennaio va in scena Immacolata Concezione, testo e regia di  Joele Anastasi, la storia di un microcosmo siciliano fatto di omertà, violenza e presunzione, ma anche di quell’autenticità tipica della carnalità isolana. Il 20 Gennaio prima prova aperta al pubblico del lavoro che nascerà dalla residenza creativa Out of the blue – studio di improvvisazione interdisciplinare curato da Claudia Fichera, che prenderà il via a novembre 2017. Il 26 Gennaio Elvira Frosini e Daniele Timpano portano in scena Acqua di Colonia,  una Produzione di Romaeuropa Festival, Teatro della Tosse, Accademia degli Artefatti, con una rappresentazione che ci racconta una storia di colonialismo italiano, rimossa e negata, che nell’immaginario comune si riduce ai 5 anni dell’Impero Fascista. Due date, 27 e 28 gennaio, per Ogni storia ha la sua musica, di e con Savi Manna, nell’ambito di Nuova drammaturgia siciliana: protagonisti sono una giovane donna, un violinista e quattro fantasmi: tutti si riveleranno vittime della follia nazista della Shoah.

Terza residenza di creazione, dal 1° all’8 Febbraio, The Touch of the Open, residenza di creazione danza con il coreografo  Jaro Viňarský che prevede la mise en space l’8 febbraio.

Pamela Toscano

Il 17 Febbraio, sul palco di Zō arriva Il Pozzo dei Pazzi di Franco Scaldati, con un progetto di Georges Lavaudant (che cura anche la regia), Matteo Bavera e Melino Imparato, che riporta l’attenzione su figure a margine, personaggi violenti e goffi, che  compiono azioni insensate lottando per la propria vita in una guerra tra poveri. Il 22 e 23 Febbraio, ancora Nuova drammaturgia siciliana con Soggiornando Vicino, che vede sul palco e in regia ancora Turi Zinna, in un lavoro che come Tifeo il tradimento dell’orecchio, fa parte di un corpus composto da quattro opere intitolato “KThack”. Il 2 Marzo, la prima assoluta di A Mani Nude, la trasposizione teatrale dell’omonimo romanzo biografico di Lucia Andreano che racconta la vicenda dell’artista albanese Besnik Harizaj, riduzione e regia di Pamela Toscano.

Il 6 Marzo l’atteso Un amore Esemplare, al Teatro Massimo Bellini, che vedrà sul palco anche lo scrittore francese Daniel Pennac, per raccontare una storia d’amore unica ed irripetibile che, durante gli anni della sua infanzia ed adolescenza, lo ha segnato particolarmente, ispirandolo ancora oggi. La regia è di Clara Bauer. Ultimi due appuntamenti da Zō, per Nuova Drammaturgia Siciliana, il 23 Marzo con Lingua di Cane, testo di Giuseppe Cutino e regia di Sarina Petyx e il 6 Aprile con 1,2,3 Crisi, uno spettacolo che ragiona sull’impatto che questa soffocante crisi ha nella nostra quotidianità, testo e regia di Giuseppe Provinzano. La rassegna si chiude con Gran paniko al bazar, lo spettacolo che unisce circo, comicità e musica dal vivo che Circko Paniko, circo contemporaneo senza animali, proporrà nel tendone che verrà montato dal 4 al 13 Maggio in piazzale Rocco Chinnici, davanti al Centro Zō.

di Maurizio Sesto Giordano 675 Articles
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, ha collaborato per oltre venticinque anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggiquotidiano.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*