Serie B, terza vittoria consecutiva per l’Amatori Catania, battuto l’Arechi 46-17 al “Paolone”, ancora un ko per il Cus a Roma

Amatori ed Arechi al "Paolone"

In tarda mattinata al “Benito Paolone” è arrivata la terza vittoria consecutiva, la seconda in casa, per l’Amatori Catania di Ezio Vittorio che ha regolato l’Arechi con un convincente 46-17. Per i biancorossi non una partita semplice, ma che comunque, alla fine, ha regalato il successo con bonus. Inizio promettente con la meta di Strazzeri non trasformata da Borina per il 5-0. Arrivava poi l’infortunio a Greco rimpiazzato da Pezzano e poi meta biancorossa con Cosentino ed ancora una volta non trasformata da Borina (10-0). Si faceva poi sotto la squadra ospite che con Cafasso centrava i pali su punizione, ma ecco la risposta dell’Amatori con la meta di Elia Cokanauta non trasformata da Parasiliti. La gara si manteneva lenta, ma l’Amatori andava ancora in meta con Giammario, che conquistava il bonus, con la trasformazione di Parasiliti (22-3) e ancora con Cosentino alla seconda personale, ma Parasiliti stavolta non trasformava chiudendo i primi 40′ sul 27-3.

Camino e Santocono

Nella ripresa Arechi voglioso di riprendere in mano la gara ed in meta con Cucco e Giordano, entrambe trasformate per il momentaneo 27-17. Le due mete degli ospiti svegliavano gli uomini di Vittorio che finalmente reagivano con Camino autore della sesta meta, stavolta trasformata da Borina per il 34-17. Arrivavano poi le mete di Strazzeri (la seconda realizzazione personale) e di Borina da lui stesso trasformata per il definitivo 46-17.

Terza vittoria consecutiva quindi per i biancorossi e voglia di migliorare, dando sempre maggiore intensità alla fase offensiva. In luce Cosentino e Strazzeri, autori di due mete a testa e prima meta in Italia per Elia Morisio Cokanauta.

Strazzeri e Cosentino, due mete per ciascuno
“Un altro passo importante – ha dichiarato  a fine gara Strazzeri – dobbiamo fare un grande lavoro mentale in gare del genere. Però l’importante era vincere e siamo riusciti a farlo nonostante qualche disattenzione”.
“Non siamo stati bellissimi ha aggiunto Cosentino dobbiamo e possiamo fare di più. Una vittoria è sempre una vittoria, però non abbiamo espresso il rugby che sappiamo fare. Adesso lavoro e applicazione per le sfide future, ma la continuità di successi fa bene”.
Continuano le sconfitte invece per il Cus Catania di Carlo Leonardi battuto dalla Roma Olimpic, in trasferta, per 15-8. C’è da dire che gli universitari tornano da Roma a testa alta e con un punticino importante in chiave classifica. Etnei che, sul’8-8, subivano una meta allo scadere e poco prima un dubbio calcio di punizione non fischiato sotto i pali in una mischia avanzante del Cus.  E domenica, nella quinta giornata, alla “Cittadella” in programma l’attesa stracittadina tra Cus ed Amatori alle ore 14.30.
 
di Maurizio Sesto Giordano 675 Articles
Giornalista con esperienza trentennale nella carta stampata, ha collaborato per oltre venticinque anni col “Giornale di Sicilia”. Cronista e critico teatrale, da anni collaboratore dell’associazione Dramma.it, cofondatore nel 2005 del quotidiano di informazione www.cronacaoggiquotidiano.it. Esperto in gestione contenuti, editing, video, comunicazione digitale e newmedia, editoria cartacea, consulenza artistica, teatrale e sportiva.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*