“Sicily Jass – The world’s first man in Jazz”, diretto da Michele Cinque racconta l’appassionante vicenda biografica del leggendario Nick La Rocca

In occasione del centenario del jazz esce in DVD + Cd e DVD + Lp  ‘Sicily Jass – The world’s first man in Jazz’, il film diretto Michele Cinque che racconta l’appassionante vicenda biografica del leggendario Nick La Rocca, cornettista, figlio di un emigrante siciliano e leader della Original Dixieland Jass Band, l’ensemble di New Orleans che nel 1917 incise il primo disco Jazz della storia, vendendo oltre un milione e mezzo di copie.

Prodotto da MRF5 e Ga&a, in associazione con Rai Cinema e in collaborazione con Lazy Film, e con il sostegno della Sicilia Film Commission, “Sicily Jass” è stato finalista ai Nastri d’argento nel 2016 e ha ricevuto una menzione speciale al Salina Doc Fest e al Seeyousound di Torino.

Pubblicato da Godfellas, ‘Sicily Jass – The world’s first man in Jazz’, arriva nei migliori negozi di dischi e negli store digitali dopo un lungo tour di presentazioni nei più importanti festival internazionali e nazionali: New Orleans Film Festival in Usa, Victoria Film Festival in Canada, Mimo Festival in Brasile, Babel Med Music di Marsiglia, Doc Feed di Eindhoven, Festival dei Popoli di Firenze, Taormina Film Festival. Il film sta facendo un tour mondiale per il centenario del Jazz con il supporto di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina”. Il 17 novembre prossimo sarà presentato anche all’ICC di Londra in collaborazione con il London Jazz fest e a dicembre 2017 arriverà in Giappone per due proiezioni a Osaka e a Tokyo.

Il film, disponibile in formato DVD, sarà accompagnato da una colonna sonora in formato in LP o CD, curata dal ricercatore Mark Berresford, uno dei maggiori esperti e collezionisti di Jazz e Blues delle origini. Una raccolta contenente le storiche incisioni della Original Dixieland Jazz band, insieme ad alcuni brani dell’ensemble eseguiti da grandi maestri come Louis Armstrong, Fletcher Henderson, Joe Venuti, Bix Beiderbeck, Frankie Trumbauer. Tutti i pezzi sono stati interamente rimasterizzati dal noto ingegnere del suono Nick Dellow.

Un tributo alle origini del jazz, un’antologia di grande valore che, come spiega Berresford, “ci permette di confrontare le migliori registrazioni originali della ODJB dal 1917 al 1918, realizzate con apparecchiature di registrazione primitive, senza l’ausilio di microfoni e amplificazioni, con le versioni degli anni Venti di grandi e piccoli gruppi, per tracciare l’evoluzione del jazz, dalle sue origini grezze alle elaborate orchestrazioni di Fletcher Henderson e di solisti del calibro di Louis Armstrong, Bix Beiderbecke e Coleman Hawkins”.

‘Sicily Jass – The world’s first man in Jazz’, forte del contributo di importanti critici e ricercatori e grazie alla scoperta di preziosi materiali d’archivio rielaborati con tecniche grafiche moderne, offrirà a tutti la possibilità di rivivere la storia di Nick La Rocca, dai giorni dell’incredibile successo fino a quelli del lento declino.

Nato a New Orleans alla fine dell’800, La Rocca, con la sua Original Dixieland Jazz Band, nel 1917 incide Livery Stable Blues che vende più di un milione e mezzo di copie nel giro di poche settimane, facendo dell’ODJB la jazz band più pagata al mondo. I suoi brani da Tiger Rag Clarinet Marmalade hanno influenzato i più grandi jazzisti di tutti i tempi, tra cui anche Louis Armstrong.  Il film, muovendosi tra elementi di finzione e cinema del reale, racconta la moderna favola di La Rocca da cornettista autodidatta a musicista di successo nella musica “nera” per eccellenza. Dal ritmo incessante del Jazz Dixieland, alla colonna sonora di Salvatore Bonafede, Sicily Jass è un viaggio introspettivo narrato dalla tromba di Roy Paci, dal gesto e dai pupi di Mimmo Cuticchio.

La voce di La Rocca stesso, immortalata in un’intervista inedita, insieme al racconto di suo figlio Jimmy, guideranno lo spettatore alla scoperta del perché, La Rocca e i suoi uomini, saranno oggetto di dimenticanza e omissione da parte della storia ufficiale.

Un lavoro essenziale che testimonia l’influenza che gli emigranti italiani hanno esercitato sul Jazz e il ruolo rilevante svolto nella nascita di quello che è considerato l’ultimo genere della musica americana. Come Nick La Rocca, figlio di un emigrante siciliano originario di Salaparuta, è proprio dall’Italia infatti che provengono tante delle figure di spicco del jazz americano: Toni Scott, Lawrence Veca, Louis Prima, solo per citarne alcuni. Tutti nomi che ci ricordano l’apporto fondamentale che i musicisti bianchi di origine italiana hanno dato alla nascita del Jazz. Dall’incontro fra la tradizione musicale della minoranza nera – con i suoi gospel, la malinconia del blues e i canti di lavoro nei campi – e quella siciliana fatta di musica da banda, opera lirica e reminiscenze arabe, nascerà la miscela esplosiva che prenderà il nome di jass.

 

Tracklist colonna sonora

  1. Livery Stable Blues – ODJB
  2. Livery Stable Blues – Fletcher Henderson
  3. Original Dixieland One-Step – ODJB
    04. Original Dixieland One-Step – Red Nichols 5 Pennies
  4. At The Jazz Band Ball – ODJB
  5. At The Jazz Band Ball – Bix Beiderbecke & His Gang
    07. Ostrich Walk – ODJB
  6. Ostrich Walk – Frankie Trumbauer and His Orchestra
  7. Tiger Rag – ODJB
    10. Tiger Rag –  Louis Armstrong Orch (1929)
  8. Sensation Rag – ODJB
  9. Sensation Rag – Joe Venuti
    13. Clarinet Marmalade – ODJB
  10. Clarinet Marmalade – Frankie Trumbauer and His Orchestra
  11. Fidgety Feet – ODJB
  12. Fidgety Feet – Fletcher Henderson

www.sicilyjass.com


Info Goodfellas:
www.Goodfellas.it
www.facebook.com/goodfellasdistribuzione
www.twitter.com/Goodfellas_it
www.instagram.com/goodfellas_it/
#GoodfellasEdizioni

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*