Controlli per l’igiene nei locali pubblici del personale del Commissariato Nesima, chiuso panificio e sanzionato il titolare

L'interno del panificio

L’igiene nei locali pubblici è fondamentale per esercitare un’attività commerciale seguendo canoni di pulizia degli ambienti, in conformità con le norme vigenti. Continuano pertanto i controlli della Polizia di Stato in tale ambito e in particolare nei confronti degli esercenti alimentari  proprio per assicurare il rispetto delle necessarie norme igieniche e  per garantire alla collettività maggiore sicurezza.

Ieri, personale del Commissariato Nesima unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale con  la collaborazione della  Polizia Locale (reparto Annona e Viabilità), e con l’ausilio di personale dell’ASP, nell’ambito del c.d. “Modello Trinacria”, ha effettuato diversi controlli amministrativi e ha riscontrato delle pessime condizioni igieniche in un panificio della zona.

Per questi motivi, il laboratorio di panificazione è stato chiuso e al titolare è stata elevata una sanzione amministrativa pari a 3.000,00 Euro, inoltre, al titolare  gli è stato intimato  il ripristino del decoro e della pulizia dei luoghi e la riqualificazione di macchinari e attrezzature.

Ancora, nel corso del servizio, sono state identificate 56 persone, controllati 679 veicoli ed elevate 31 contravvenzioni al C.d.S, tra cui una guida senza patente, sette contravvenzioni per mancanza di copertura assicurativa e cinque contravvenzioni per mancanza di uso protettivo del casco alla guida di motoveicolo, con i conseguenti sequestri e fermi dei mezzi, per un totale sanzionatorio di oltre  14.000,00 euro; infine è stata rinvenuta anche un’auto rubata.

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*