Il 22 Novembre, per “Raizes”, al Centro Zo di Catania “Atse Tewodros Project”, il 24 la storica band etnea “Uzeda”

Atse Tewodros Project
Giovedì 22 Novembre alle ore 21.00 a Zo Centro Culture Contemporanee avrà luogo la seconda giornata di “Raizes”, rassegna di world music in cui elementi di musica popolare e tradizionale si contaminano con “tutta la musica del mondo”, intesa come un tessuto continuo di esperienze correlate e componibili. La manifestazione, organizzata e prodotta da Zo e Darshan, con l’intento di diffondere la conoscenza delle culture musicali, cerca di “dar voce” ai popoli e alle loro culture, evidenziando il loro patrimonio culturale.
Durante la serata sarà presentato “Atse Tewodros Project”, progetto che mette in dialogo musicisti etiopi di tradizione e musicisti italiani, su memoria storica, futuro  comune, convivenza e migrazione composto da 8 musicisti. Tre italiani (Fabrizio Puglisi al pianoforte, Tommy Ruggero alla batteria, Camilla Missio al basso) quattro musicisti etiopi di tradizione (Endris Hassen violino monocorde “masinko”, Misale Legesse batteria tradizionale etiope, Abu Gebre flauto tradizionale di canna di fiume “Washint”, Anteneh Teklemariam lira tradizionale etiope “Kirar”) e l’artista italo-etiope Gabriella Ghermandi alla voce.
Uzeda
SABATO 24 NOVEMBRE, ORE 21
UZEDA LIVE

La storica band catanese, che ha da poco festeggiato il 30° compleanno, inaugurerà “Loud”, il nuovo contenitore rock del sabato sera da Zo, con un concerto energico e passionale di rara intensità.
Questa la formazione degli Uzeda:
Davide Oliveri: batteria
Raffaele Gulisano: basso elettrico
Agostino Tilotta: chitarra elettrica
Giovanna Cacciola: voce
di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*