Dall’1 al 9 dicembre la festa della patrona Santa Barbara a Tremestieri Etneo

Da sabato 1 dicembre entrano nel vivo le celebrazioni in onore di Santa Barbarapatrona di Tremestieri Etneo, la vergine e martire di Nicomedia venerata nella chiesa madre parrocchia Santa Maria della Pace con l’artistico simulacro ligneo del ‘600.

In verità i festeggiamenti patronali sono già iniziati nel mese di novembre con l’omaggio festoso dei fanciulli del catechismo in tutte le domeniche – un buon cammino “pedagogico” per far conoscere alle nuove generazioni la Patrona e le sue virtù cristiane! – e saranno sempre i fanciulli ad accogliere alle ore 10:30 di domenica 9 dicembre il busto reliquiario di Santa Barbara proveniente dalla comunità ecclesiale di Paternò (fino all’anno scorso il busto reliquiario è stato portato dal parroco, con il concorso dei Vigili del Fuoco e delle autorità cittadine e militari di Tremestieri, da Paternò a Tremestieri nella giornata del 3 dicembre).

I momenti clou della festa, in questo 2018, sono tanti, come è possibile constatare dal ricco programma preparato dal parroco don Salvatore Scuderi e dal comitato, affinché “la santità della nostra sorella Barbara e degli innumerevoli eroi della fede ci renda coscienti della straordinaria grandezza di questa dimensione della vita e dell’ordinarietà in cui possiamo conoscerla e viverla, nonché pronti a un dono sempre maggiore di noi stessi a Colui che ne è la sorgente!”.

Segnaliamo sabato 1 dicembre, inizio del Nuovo Anno Liturgico, il raduno dei fedeli alle ore 17:00 presso la chiesa di Sant’Antonio e il Corteo della Luce con le reliquie di Santa Barbara fino alla chiesa madre per l’offerta dei fiori, cui seguirà la Santa Messa e l’inaugurazione del “presepe diffuso” realizzato in chiesa.

Domenica 2 dicembre alle ore 10:30 al canto litanico delle invocazioni alla Patrona, “la svelata” e l’elevazione sull’altare maggiore del simulacro di Santa Barbara, con la S. Messa, la preghiera e l’offerta della cera da parte dei Vigili del Fuoco. Nel pomeriggio, dopo la Messa delle ore 17:00, la processione del simulacro sul fercolo per un breve giro per il centro cittadino, con l’omaggio floreale delle autorità civili e militari dinnanzi al palazzo municipale e la benedizione della città ai “Quattro Canti”.

Lunedì 3 dicembre, giorno di vigilia, alle ore 18:00 la recita dei Vespri e a seguire il concerto della Corale “Accademia dei liricanti” di Mascalucia.

Martedì 4 – solennità liturgica di Santa Barbara, alle ore 18:30 la Messa pontificale sarà presieduta da mons. Antonino legname, parroco al Cuore Immacolato di Maria in Catania e presidente del Tribunale Ecclesiastico Regionale, e concelebrata dai parroci del territorio cittadino.

Mercoledì 5, dopo la Santa Messa, alle ore 19:00 incontro sul tema “Padre Pino Puglisi, il Sinodo … e i Giovani” con lo scrittore giornalista prof. Marco Pappalardo.

Giovedì 6 – alle 19:00 la veglia di preghiera “Chiamati alla santità”, animata dai giovani e presieduta da don Antonino Portale, direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale Giovanile.

Domenica 9 dicembre, dopo l’accoglienza del busto reliquiario di Paternò nella mattinata, celebrazione della Santa Messa con la presenza delle autorità e dei rappresentanti del volontariato e corteo commemorativo dei Caduti di tutte le guerre con l’omaggio in piazza Mazzini (Municipio), e nel pomeriggio, dopo la Santa Messa presieduta da don Filippo Gismondo, nuovo parroco di Santa Maria delle Grazie di Piano Tremestieri, il busto reliquiario di Santa Barbara sarà riconsegnato alla città di Paternò.

Sabato 10, alle ore 19:00, nel salone parrocchiale, prevista la presentazione dei lavori di restauro del simulacro di San Giuseppe, a cura del maestro restauratore Edoardo Anastasi. Infine, nel giorno dell’ottava – domenica 11 dicembre – alle ore 18:00 la comunità civile ed ecclesiale della parrocchia Santa Barbara di Ragalna parteciperà alla celebrazione eucaristica presieduta dal parroco don Vincenzo Nicolosi e alla chiusura dei festeggiamenti con la riposizione del simulacro di Santa Barbara nella cameretta.

Vincenzo Caruso

di Michele Minnicino 20315 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*