Scherma, Coppa del Mondo di Tokyo, il campione Olimpico di fioretto maschile, Daniele Garozzo, conquista la medaglia d’oro nella gara a squadre

Tokyo, 26 Gennaio 2019 - I medagliati: da sinistra Avola, Foconi, Cassarà, Garozzo (Foto Augusto Bizzi)
Il Campione Olimpico di fioretto maschile, Daniele Garozzo, chiude alla grande la tappa di Coppa del Mondo di Tokyo (Giappone). Dopo il bronzo di ieri nella gara individuale, il fiorettista acese ha infatti conquistato la medaglia d’oro nella prova a squadre di oggi, insieme ai compagni di nazionale Alessio Foconi, Giorgio Avola ed Andrea Cassarà.
Il cammino trionfale degli azzurri è iniziato dagli ottavi di finale con il successo per 45-33 sull’Australia, seguito da quello per 45-21 nei quarti ai danni della Cina. L’Italfioretto ha poi strapazzato la Russia in semifinale con un netto 45-29, vincendo la finale contro gli USA con uno strepitoso 45-43.
Al termine della prova a squadre, l’atleta del Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle ha fatto il bilancio della tappa: “Sono soddisfatto – ha detto Daniele Garozzo , perché anche quella di oggi è stata una bella gara. Ho ancora un po’ di rammarico per com’è andata la semifinale della gara individuale di ieri, ma ribadisco che il bicchiere è assolutamente mezzo pieno. Due medaglie in due gare ed in un’unica tappa mi rendono molto felice e le dedico a mia madre, che oggi festeggia il suo compleanno. Torno a casa sempre più convinto di aver intrapreso ormai da tempo il percorso ideale per il raggiungimento della miglior condizione possibile, pronto a continuare a lavorare senza risparmiarmi per togliermi nuove soddisfazioni e centrare gli obiettivi prefissati ad inizio stagione”.
di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*