Arrestato dalla Squadra Mobile al Casello di San Gregorio per detenzione e trasporto di cocaina

Intervento della Squadra Mobile-sezione Antidroga

La Polizia di Stato ha arrestato Carmine Surace, (cl.1984), pregiudicato, ritenuto responsabile del reato di detenzione e trasporto di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Personale della Squadra Mobile – Sezione “Antidroga”, apprendeva che nella serata di ieri sarebbe giunto in questo centro un corriere proveniente dalla Calabria a bordo di un furgone di colore bianco con un ingente carico di cocaina.

I panetti occultati nella ruota di scorta

Alla luce di quanto appreso, veniva predisposto, sin dalle prime ore del mattino, un mirato servizio di osservazione presso i caselli dell’autostrada A18 ME-CT di Giarre – Acireale e San Gregorio (CT).

Dopo alcune ore di paziente attesa, al Casello di San Gregorio giungeva un furgone isotermico destinato al trasporto di prodotti caseari, del tipo segnalato, con a bordo un soggetto, successivamente identificato per Carmine Surace.

Il personale decideva di bloccare il furgone e il suo conducente, al fine di procedere ad un controllo più accurato presso gli uffici della Squadra Mobile.  Difatti, occultata nella camera d’aria della ruota di scorta, del furgone, sono stati rinvenuti e sequestrati 5 involucri cd. “panetti” contenenti sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di kg.5,351 circa.

La droga del valore di oltre € 250.000, immessa sul mercato, avrebbe fruttato una cifra pari  a € 900 mila circa. Espletate le formalità di rito, Carmine Surace è stato associato nel carcere di Catania piazza Lanza.

Il video

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*