“Promozione dell’attività fisica. Anziani in movimento… dai 65 anni”, Tremestieri Etneo aderisce al progetto dell’Asp di Catania

Il sindaco di Tremestieri Etneo, Santi Rando, assieme ai funzionari dell’Asp di Catania, ha presentato nell’aula consiliare del palazzo di città il progetto “Promozione dell’attività fisica. Anziani in movimento… dai 65 anni” organizzato dall’Asp di Catania, in collaborazione con il Comune.

Il progetto rientra nell’ambito delle attività individuate dal Piano regionale di prevenzione e si rivolge esclusivamente alla popolazione “over 65” residente nel territorio. Assieme al Sindaco, presenti, l’assessore ai Servizi Sociali Michelangelo Costantino con i colleghi Evelyn Garofalo, Sebastiano Caruso e Marcello Testa, il vice presidente del consiglio comunale Santo Nicosia e la consigliera Nerina Tomaselli, i rappresentanti dell’Asp di Catania Salvatore Cacciola con i dottori Elena Smedile e Angelo Cataldo, i funzionari comunali Giorgio La Malfa e Gianfranco Caccamo, una rappresentanza di anziani.

Il progetto, coordinato dal dott. Salvatore Cacciola responsabile unità operativa educazione e promozione alla salute Asp Catania e curato dai dottori Elena Smedile educatrice professionale e Angelo Cataldo esperto in scienze motorie, punta a promuovere il benessere generale della persona, il mantenimento della forma fisica e il miglioramento delle capacità motorie individuali.

Il primo cittadino nel suo discorso ha spiegato che: «L’esercizio fisico è un intervento sanitario efficace nel trattamento di numerose patologie croniche e, in termini di riduzione della mortalità, determina benefici simili a quelli ottenuti con interventi farmacologici nella prevenzione secondaria di varie patologie».

Aggiunge Rando: «L’invecchiamento oggi non viene più considerato un processo immodificabile e definito, ma un processo variabile. In questo senso l’esercizio fisico svolge un ruolo decisivo, riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Migliora il tono dell’umore. Riduce il rischio di cadute e aumenta lo stato generale di benessere».

Il dott. Salvatore Cacciola ha sottolineato che: «L’aumento costante dell’età media della popolazione è un dato peculiare delle società odierne e la sfida che si pone alle istituzioni sanitarie, a questo punto, si misura sulla capacità di organizzare servizi che, tenendo conto di tale fenomeno, valorizzino le risorse delle reti territoriali, come in questo caso il comune di Tremestieri Etneo a favore degli over 65, ma soprattutto accrescano le competenze degli individui nelle scelte di salute. Un modo nuovo di ‘produrre’ salute che guarda al lungo periodo e al costante miglioramento della qualità di vita».

Per raggiungere tali obiettivi hanno spiegato i dottori Smedile e Cataldo viene utilizzata una metodica svolta all’aria aperta della durata di 60 minuti. Non sono necessarie particolari abilità, anzi, camminando si sviluppa la percezione del corpo e la conoscenza di sé, attraverso la presa di coscienza utilizzando i cinque sensi classici, ma anche quello che spesso meno sviluppato quale il senso posturale.

Chi volesse aderire al progetto, potrà presentare apposita domanda, redatta dal proprio medico curante, al Distretto sanitario di residenza.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*