Pulizia della spiaggia libera n.1, raccolti 250 kg di vetro, 200 di cartone e 100 di plastica

Oltre 250 kg di vetro, 200 di imballaggi di cartone, 100 di plastica. Questi i dati della pulizia straordinaria effettuata alla spiaggia libera n.1 di Catania, in poco più di tre ore, grazie alla sinergia tra i catanesi che hanno aderito all’iniziativa, gli attivisti delle associazioni ambientaliste Catania Climate Save, Catania Health Save, Catania Fish Save, Catania Animal Save ed Anonymus for the Voiceless, e la Dusty che ha messo a disposizione guanti, sacchi e mezzi per la rimozione dei rifiuti trovati.

Circa una 50 di persone, tra volontari attivisti delle associazioni e utenti catanesi.

Non solo bonificare quel tratto di litorale, ma facendo la differenziata. Perché oltre alla plastica, il vetro (prevalentemente bottiglie) e il cartone, gli operatori Dusty hanno rimosso anche monitor di computer, reti metalliche, una ventina di pneumatici, inerti vari, ganci metallici, beccucci sanitari, e astucci di copertura degli aghi delle siringhe.

Dusty (insieme alla società subappaltatrice Energetikambiente) ha impegnato due squadre di operatori, per un totale di 4 operatori e impiegato 2 mezzi satellite. Ha consegnato una quarantina di sacchi, e oltre 20 paia di guanti.

Allo scopo di sensibilizzare gli utenti sull’importanza di fare la differenziata (anche sulle spiagge) e nel principio della condivisione del “fare rete” coinvolgendo non solo i cittadini, ma anche l’impresa di igiene ambientale, è stata la prima volta che le associazioni ambientaliste Catania Climate Save, Catania Health Save, Catania Fish Save, Catania Animal Save ed Anonymus for the Voiceless si siano rivolte a Dusty che ha risposto immediatamente, rendendosi disponibile.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*