Controlli degli agenti del Commisariato Borgo Ognina su persone sospette e autovetture di provenienza furtiva, rinvenuta a “Picanello” Fiat 500 rubata poco prima

La Fiat Cinquecento rinvenuta dalla Polizia

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato Borgo Ognina ha effettuato controlli straordinari su strada al fine di identificare, in particolare, persone sospette con precedenti penali e autovetture di provenienza furtiva.

Nel quartiere cittadino di Picanello, sono stati identificati molteplici soggetti con precedenti penali e, unitamente a personale dell’U.P.G.S.P., è stata rinvenuta un’autovettura Fiat 500 poco prima rubata e lasciata parcheggiata in via Faraci. Infatti, tipico dei ladri di autovettura è che, dopo il furto, parcheggiano provvisoriamente l’autovettura nei pressi del luogo da dove la macchina è stata asportata e ciò al fine di diminuire il rischio di essere fermati dalla forze dell’ordine. Fatto di rilievo è che il proprietario non aveva ancora presentato denuncia e quindi l’autovettura non risultava ancora da ricercare; tuttavia, i poliziotti intervenuti, insospettiti dalla manomissione dei fili, tramite accertamenti di polizia hanno individuato il proprietario al quale, una volta accertato l’avvenuto furto, gli è stata riconsegnata l’autovettura.

Di recente e nell’ambito di queste operazioni volte alla ricerca dei veicoli rubati, personale del Commissariato Borgo Ognina ha concorso nella ricerca e rinvenimento di 4 autovetture e indagato 5 soggetti, la maggior parte pregiudicati, per ricettazione e/o furto di autovetture rubate. Inoltre, nell’ambito delle medesime operazioni, sono state rinvenute circa 50 centraline utilizzate, come noto, per rubare le autovetture.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*