Sequestrati dalla Guardia di Finanza in un garage di Gravina di Catania 193 kg di cocaina, marijuana e hashish e 38 proiettili, arrestato un catanese

La sostanza stupefacente sequestrata

I militari del Comando Provinciale di Catania, a seguito di mirata attività di intelligence economico-finanziaria, hanno sequestrato a Gravina di Catania 183 kg di marijuana, 10 kg di cocaina, 610 grammi di hashish e 38 proiettili calibro 9 x 21 e arrestato  I.A.O, gravato da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e in materia di armi.

I Finanzieri del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, dopo aver effettuato un lungo periodo di osservazione nei pressi dell’immobile dove viveva il soggetto, decidevano di procedere, con l’ausilio di un’unità cinofila e personale della Compagnia Pronto Impiego, alla perquisizione del garage di pertinenza dell’abitazione e rinvenivano la sostanza stupefacente, occultata in alcuni scatoloni e in uno zainetto, nonché le due bustine con i proiettili.

L’ispezione dell’appartamento ha consentito altresì di rinvenire e sequestrare 2 bilancini di precisione, altro stupefacente e il materiale impiegato per il confezionamento della droga.

All’esito dell’attività, I.A.O, di origine catanese, è stato arrestato per i reati di illecita detenzione di stupefacenti e munizioni. Informata la Procura della Repubblica di Catania l’arrestato è stato condotto al carcere cittadino di Piazza Lanza. Il complessivo quantitativo di droga, che rappresenta uno dei più rilevanti sequestrati nell’hinterland del capoluogo etneo, avrebbe fruttato, nella vendita al dettaglio, oltre 3 milioni di euro.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*