Per l’8 Marzo convegno a Catania “La nuova resistenza, l’Europa democratica ci pretende partigiane”, organizzato da Cgil, Anpi, SPI Cgil e Auser

Locandina

“C’è un forte bisogno di partecipazione attiva per riprendere, con determinazione , il percorso delle conquiste civili e sociali che hanno segnato le pagine migliori di questo Paese e per contrastare le pesanti regressioni a cui stiamo assistendo”. È questo il leit motiv del convegno “La nuova resistenza, l’Europa democratica ci pretende partigiane”, sottotitolo: “Oggi come ieri democrazia è/e antifascismo”, organizzato da Cgil Catania, Anpi Catania (Associazione dei partigiani d’Italia), SPI Cgil di Catania e Auser Catania, fissato per l’8 Marzo alle ore le 9.30 nel Salone russo di via Crociferi, 40.

Per l’occasione sarà possibile visitare la mostra documentario  su Hetty Hillesum. Aprirà i lavori della giornata, il segretario generale della Cgil di Catania Giacomo Rota, introdurrà Sara Costanzovice presidente dell’ANPI di Catania. La relazione sarà affidata ad Angela Battista, responsabile del Dipartimento politiche di genere della Cgil di Catania. Intervengono: Maria Letizia Colajanni, coordinamento donne Anpi nazionale, Claudio Longhitano,presidente Anpi Catania, Daniela Decinti, fondazione Di Vittorio, Lenny Vallejocomponente Direttivo assemblea generale Cgil di Catania, Margherita Pattisegretaria Spi Cgil di Catania, Nicoletta Gattopresidente Auser Catania, Antonino PastoreAnpi Catania, Monica Genovesesegretario confederale Cgil Sicilia. Modera i lavori Rosaria Leonardi, segretaria confederale Cgil di Catania. Aderiscono Libera, Gapa, La città felice, La ragnatela, Open Mind, Federconsumatori, Femministorie.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*