Il 28 e 29 Marzo al “Perracchio” di Ragusa, per la rassegna “I colori della fantasia”, la pièce “Amici diversi”, regia di Salvo Dolce

Una scena di "Amici diversi"

Un gatto e un topo potranno mai diventare amici? Maicol e Frida, un gatto nero e una topolina  vagabonda, sono due esseri solitari che fanno parte di due universi paralleli, troppo diversi tra loro. Nel mondo in cui vivono non è permessa un’amicizia tra un topo e un gatto. I gatti considerano i roditori piccoli scocciatori e ladri del loro cibo. I topi considerano i gatti come esseri cattivi e pericolosi. E’ questo l’incipit della nuova proposta che, nell’ambito della rassegna “I colori della fantasia” promossa dal Centro teatro Studi con il patrocinio degli assessorati alla Cultura e alla Pubblica istruzione del Comune di Ragusa, sarà portata sul palco del “Marcello Perracchio” di via Ettore Fieramosca domani, giovedì 28 e venerdì 29 Marzo, a partire dalle 10. La fascia consigliata per “Amici diversi”, questo il titolo della pièce teatrale, è quella per gli studenti dai 5 agli 11 anni. La produzione è del Teatro Libero di Palermo con la regia di Salvo Dolce che ha curato anche il progetto. Gli attori protagonisti sono Giada Costa e Giuseppe Vignieri. “Lo spettacolo – spiega Franco Giorgio del Cts che ha curato l’allestimento della rassegna – narra una storia di amicizia che si scontra con un mondo chiuso e primitivo dove sembra impossibile seguire i propri sogni e lasciarsi trasportare dall’amore. In un clima ovattato, surreale e metateatrale la storia denuncia pregiudizi e chiusure esaltando la bellezza della solidarietà e dell’amicizia”. La storia, insomma, consente di avvicinare con delicatezza, agli occhi dei piccoli  spettatori, gli attuali temi della diversità, della tolleranza, dell’accoglienza e  dell’intercultura, introducendo l’idea che sia possibile un incontro tra popoli diversi, tra le culture che vengono in contatto, anche se le distanze sembrano a prima vista siderali. Un incontro tra mondi lontani o tra mondi vicini proprio come avviene con il popolo dei gatti e il popolo dei topi. Ed è per questo che si può rispondere con un “sì” alla domanda iniziale: “Un gatto e un topo potranno mai diventare amici?”.

 

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*