Operazione “Active Schield” della Polizia Ferroviaria, recuperato rame per circa 250 chilogrammi

Rame recuperato

Nell’ambito della collaborazione internazionale di Polizia, il network di Polizie Ferroviarie Europee RAILPOL, ha promosso e organizzato una nuova azione comune denominata “Active Schield”, dalle ore 7.00 del 26 Marzo alle ore 7.00 del giorno successivo, durante la quale i Paesi aderenti all’iniziativa hanno effettuato servizi di carattere preventivo e repressivo contro i fenomeni criminosi maggiormente diffusi in ambito ferroviario.

La Sezione Polizia Ferroviaria di Catania ha effettuato servizi di pattuglia lungo le tratte ferroviarie di competenza nonché controlli preventivi ai viaggiatori e ai bagagli sia in stazione che a bordo treno, utilizzando metal detector e palmari di ultima generazione. Un’equipaggio della Polfer, impegnato in un controllo  lungo la tratta Catania – Motta Santa Anastasia, ha proceduto al controllo di due persone, che si trovavano nei pressi dell’area ferroviaria di Fontanarossa, le quali  trascinavo un vecchio passeggino con dentro una grossa sacca, la cui sommità era coperta da un indumento.

All’interno della sacca sono state rinvenute matasse di rame prive della guaina, per un peso complessivo di circa 30 chilogrammi. Le due persone, identificate per M.M. di anni 35 e S.V. di anni 49, entrambi cittadini Bulgari, ad accertamenti ultimati, sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di ricettazione, mentre i cavi di rame sono stati sequestrati.

Altri operatori della Polizia Ferroviaria, invece, a seguito di segnalazione di due persone che armeggiavano sulla sede ferroviaria pervenuta da parte di operai di RFI, si sono portati in prossimità di un passaggio a livello ubicato lungo la tratta Bicocca – Lentini, ove hanno appurato l’asportazione dei cavi di rame dall’interno delle canalette in cemento poste a ridosso dei binari. L’accurato sopralluogo ha permesso di rinvenire, occultate tra la vegetazione, alcune matasse di rame, mentre le ricerche degli autori hanno dato esito negativo.

Il rame recuperato, per un peso di circa 250 chilogrammi, è stato restituito agli operai di Rete Ferroviaria Italiana per il ripristino della linea. Complessivamente, nella suddetta operazione “Active Schield” sono stati impiegati 20 operatori della Polizia Ferroviaria che hanno, tra l’altro, identificato 40 persone, controllate 46 stazioni ferroviarie e 80 treni. La Polizia Ferroviaria dedica ingenti risorse alla prevenzione ed al contrasto di azioni delittuose in ambito ferroviario che, nel caso di furti di cavi di rame, determinano ingenti danni economici alle imprese con ripercussioni anche sui servizi offerti alla cittadinanza.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*