Scoperto a Picanello dagli agenti del Commissariato Borgo Ognina locale adibito a gioco d’azzardo, indagato il titolare dell’attività illegale

Scoperta bisca

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato Borgo Ognina ha effettuato un mirato servizio di controllo del territorio nel quartiere di Picanello; nel corso di tale operazione, è stato compiuto un accertamento presso un bar al cui interno è stata accertata la presenza di un’area di circa 200 metri quadri, distribuiti in due settori: uno destinato a sala giochi e scommesse illegali; l’altro, protetto da vetri oscurati, destinato ad attività di gioco d’azzardo.

Polizia in azione

A seguito di un accertamento tecnico su una delle postazioni pc presenti, è stata accertata una fiorente attività economica, del valore di decine migliaia di euro nel solo mese di marzo. Accertata anche la presenza di un tavolo da roulette, 5 postazioni pc complete di stampanti termiche destinate ai collegamenti per il gioco a distanza online, carambole, biliardini, tavoli predisposti per il gioco d’azzardo con numerosi mazzi di carte da poker, baccarat, fiches e circa 4000,00 euro in contanti rinvenuti nella cassa. Una vera e propria bisca.

Il locale, servito da due distinti accessi in due distinte vie, verosimilmente per eludere i controlli di polizia, è risultato dotato di impianto di telecamere a circuito chiuso, senza la prescritta informativa e rivolte sulla pubblica via. Durante i controlli polizia, è stata anche verificata la presenza di avventori e tra questi anche minori di anni 14, intenti ad effettuare scommesse su eventi sportivi. A seguito di una immediata attività investigativa, è stato appurato che un minore di anni 14, col consenso dei genitori e senza giustificato motivo, ha interrotto la scuola dell’obbligo: per tale motivo, ambedue i genitori sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria.

Il titolare dell’attività illegale è stato indagato in stato di libertà per i reati di esercizio abusivo di attività di scommesse, gioco d’azzardo, mancanza tabella dei giochi proibiti e, infine, sanzionato amministrativamente alla pena pecuniaria di euro 79.000,00, fatte salve le agevolazioni del pagamento in misura ridotta.

L’area interessata all’attività illegale è stata sottoposta a sequestro penale preventivo e sono state anche sequestrate le somme di denaro e le apparecchiature.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*