Al “Brancati” di Catania dall’11 Aprile “Romeo Q Giulietta” da Shakespeare, regia di Francesca Ferro, la più celebre storia d’amore di tutti i tempi in una città siciliana

Una scena dello spettacolo (Foto Gianluigi Primaverile)

La storia d’amore più celebre e amata di tutti i tempi attraversa i secoli, cambia panorama, cultura e lingua pur mantenendo l’universalità della sua poetica. Al Teatro Brancati di Catania, nell’ambito della stagione impaginata dal Teatro della Città – Centro di Produzione Teatrale,  debutta  giovedì 11 Aprile, alle ore 21 (repliche fino al 5 Maggio) “Romeo Q Giulietta”.

A firmare la regia del testo, tratto da Shakespeare e traslato in lingua siciliana da Alessio Patti, è la regista catanese Francesca Ferro che ne ha curato anche l’adattamento, portando nella storia narrata dal Bardo la passione sanguigna di un’odierna città del Sud Italia.  Lo spettacolo, prodotto dal Teatro della Città – Centro di Produzione Teatrale  in collaborazione con Teatro Mobile di Catania, vanta le musiche di Massimiliano Pace e i costumi di Giusi Gizzo.
A dare volto e voce ai personaggi della storia di Romeo e Giulietta, un nutrito cast che, oltre alla partecipazione di Guia Jelo, annovera Adriano Aiello, Giovanni Arezzo, Francesco Maria Attardi, Verdiana Barbagallo, Giuseppe Cosentino, Marco Fontanarosa, Domenico Gennaro, Loredana Marino, Giovanni Maugeri Mario Opinato, Maria Chiara Pappalardo, Pasquale Platania e Renny Zapato.  I personaggi vivono una città in dissesto, senza legge, in cui i conti fra le fazioni avverse vengono regolati da un potere criminale al vertice che decide sulla vita e sulla morte, questo tragico scenario. Avvolto nelle tenebre è la tomba dei diritti dell’uomo ma che l’amore, ancora una volta, riporterà in vita.

“La poetica di Shakespeare – spiega Francesca Ferrosi dimostra universale, la lingua siciliana dona vitalità e colore ai protagonisti che non sembrano mai stati così veri. Non serve chiudere gli occhi e immaginare, per riportare in vita questa storia, basta tenerli bene aperti, guardandosi intorno. Percorrendo alcuni dei quartieri più popolari e disagiati di qualunque città, è possibile incrociare rappresentanti della famiglia Montecchi: c’è Benvolio che aspetta con ansia Mercuzio sbucare da dietro l’angolo in preda a effetti allucinogeni di sostanze sconosciute, c’è Tebaldo in sella ad un motorino truccato che gli taglia la strada e altri due dei Capuleti che gli urlano contro. Prima ancora che il sole scompaia del tutto e la luce gialla dei lampioni si rifletta sul nero della pietra lavica, si scorgono deboli ombre femminili popolare le strade per dare il via alla compravendita: per la Nutrice, un’altra notte di lavoro è appena cominciata. E ci sarà anche un giovane che cerca di scavalcare il muro di un’abitazione, non per l’ennesimo furto in casa ma per andare dalla sua Giulietta”.

 Scheda

Romeo Q Giulietta
di William Shakespeare
traslazione in lingua siciliana di Alessio Patti
adattamento di Francesca Ferro
aiuto regia Teresa Spina
musiche Massimiliano Pace
costumi a cura di Giusi Gizzo
Produzione Teatro della Città in collaborazione con Teatro Mobile di Catania

con la partecipazione di Guia Jelo
e con (in ordine alfabetico):
Adriano Aiello
Giovanni Arezzo
Francesco Maria Attardi
Verdiana Barbagallo
Giuseppe Cosentino
Marco Fontanarosa
Domenico Gennaro
Loredana Marino
Giovanni Maugeri
Mario Opinato
Maria Chiara Pappalardo
Pasquale Platania
Renny Zapato

Catania, Teatro Brancati

Calendario

Giovedì 11 aprile h 21
Venerdì 12 aprile h. 21
Sabato 13 aprile h. 17.30 – 21
Domenica 14 aprile h. 17.30
Martedì 23 aprile h. 21
Mercoledì 24 aprile h 17.30
Giovedì 25 aprile h. 17.30
Venerdì 26 aprile h. 21
Sabato 27 aprile h. 17.30 – h. 21
Domenica 28 aprile h. 17.30
Giovedì 2 maggio h. 21
Venerdì 3 maggio h. 17.30
Sabato 4 maggio h. 17.30 – h. 21
Domenica 5 maggio h. 17.30

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*