“Trasmutazioni della Realtà” di Silvano Raiti, alla Galleria “Arte Civica 28” di Catania

L'inaugurazione della mostra "Trasmutazione della realtà"

L’arte per trasmettere al visitatore intensità e lirismo. Un percorso costante, fatto di colori e scoperte, con la suggestione figurativa che serve da stimolo sensoriale continuo. Eccolo il tema centrale dell’evento “Trasmutazioni della Realtà”. Molto più di una semplice mostra dell’artista Silvano Raiti che, con le sue opere, mette davanti all’individuo un campo visivo dominato dal colore con la forma che ne emerge astratta. Una mostra d’arte contemporanea inaugurata ieri, alla Galleria “Arte Civica 28” in via Vittorio Emanuele 28, che ha visto la partecipazione di un folto pubblico con la direttrice Angela Vasta, la curatrice della mostra Elisabetta Maria Ricco, la relatrice dott.ssa Rosalba Longhitano e l’artista Silvano Raiti.

Le opere presenti

Un appuntamento per sottolineare come in questo periodo di grande crisi la pittura può diventare modello e spunto di aggregazione per tutta la cittadinanza. Cultura e valorizzazione delle potenzialità del territorio con le opere esposte.

“Come consigliere circoscrizionale di “Borgo-Sanzio” – sottolinea Orazio Grassoho deciso di sposare questa iniziativa perché può rappresentare un momento di coesione e conoscenza per grandi e piccoli del nostro bagaglio culturale. Nella nostra terra ci sono tanti artisti che non chiedono altro se non l’occasione giusta per mettere in mostra tutta la loro bravura.  Fare squadra, attraverso una cabina di regia, che coinvolga privati ed associazioni, può essere la via giusta per uscire da questa crisi e dare speranza per il prossimo futuro alla nostra città”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*