Denunciato dagli agenti del Commissariato Borgo Ognina pasticciere per furto di prodotti

I prodotti sequestrati

Nella giornata di ieri, a seguito di reiterate denunce sporte dai titolari di un noto Bar Ristorante ubicato in una zona centrale di Catania, personale del Commissariato Borgo-Ognina ha indagato in stato di libertà un soggetto, tale G.S., pasticcere del bar, per furto di merce varia all’interno dell’esercizio.

A seguito di mirata attività investigativa, è emerso che l’uomo, dipendente da diversi anni, da molto tempo era solito rubare prodotti di pasticceria per poi regalarli a terzi e/o venderli ad altre attività commerciali.

Effettivamente, i poliziotti hanno individuato un’attività commerciale dove i prodotti venivano venduti e, a tal riguardo, i titolari hanno confermato di acquistare (in nero) prodotti di pasticceria dal soggetto in questione; per tali motivi verrà data comunicazione agli organi competenti, Ufficio delle Entrate e Guardia di Finanza.

In base alle denunce sporte dei titolari, il danno arrecato all’esercizio bar in argomento è rilevante anche per i costi elevati dei prodotti rubati che vanno dai sacchi di pistacchio che costano oltre 100 euro a confezione, a prodotti di marca, colombe, uova di pasqua, liquori ed altro ancora.

L’uomo, avendo la fiducia dei titolari, aveva le chiavi del locale dove vi entrava anche di notte, prima di iniziare l’attività lavorativa facendosi coadiuvare, tra l’altro e in taluni casi, anche da un complice.

Nella mattinata di ieri, dopo l’ennesimo furto, la merce rubata è stata rinvenuta all’interno dell’autovettura del pasticcere parcheggiata nei pressi del bar.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*