A2, la Muri Antichi cede in casa 8-12 con la Roma 2007

Muri Antichi in vasca

Arriva un’altra sconfitta per la Copral Muri Antichi che cade in casa contro Roma 2007 Arvalia.  La squadra di coach Puliafito ha lottato, ma a nulla è valso l’impegno profuso dalla squadra che ha giocato a viso aperto a sprazzi ed è stata costretta ad inseguire per tutta la durata del match. Il pareggio del Crotone nello scontro salvezza contro Arechi vede così la Copral sola all’ultimo posto in classifica.

Nel primo parziale la sblocca Vittorioso, risponde Calarco con l’uomo in più, ancora Re e Vittorioso, sempre con l’uomo in più sigillano il punteggio sul 3-1 in favore dei laziali dopo i primi 8’ di gioco. Nel secondo parziale è un continuo botta e risposta, Paratore e Calarco siglano gol importanti ma è ancora con il vantaggio numerico che Arvalia fa centro con Mele e Vittorioso. Belfiore segna dalla distanza ma di rimessa Roma Arvalia si riporta avanti di due lunghezze con la Copral costretta ancora ad inseguire. Nel terzo parziale i Muri palesano difficoltà soprattutto offensive mentre Roma 2007 Arvalia riesce a colpire ancora portandosi sul 4-8. Calarco tiene ancora vive le speranze con un bel gol dalla distanza che tiene la Copral aggrappata sul -3 (5-8). Arvalia ricomincia il quarto parziale al migliore dei modi grazie ad un gol di Mele da distanza ravvicinata. Sussulto d’orgoglio dei Muri con Gluhaic e Paratore su azione solitaria, troppo tardi però per riaprire la contesa che si chiuderà con il punteggio di 8-12.

 “Ancora una prestazione piena di paura e nervosismo – dichiara il presidente Spinnicchiacosa inspiegabile perché non mettiamo alcuna pressione anzi apprezziamo l’impegno quotidiano dello staff e dei ragazzi. Dobbiamo uscire da questa situazione di paura, altrimenti il nostro campionato è segnato. Sono comunque convinto che lotteremo fino all’ultimo secondo di questo campionato per ottenere la salvezza”.

“Oggi abbiamo giocato male – ammette Puliafito sia in difesa che in attacco non ci siamo espressi come al solito. Vincere oggi era davvero molto difficile, abbiamo inseguito per tutta la gara. Si fa dura ma non molliamo. Adesso pensiamo già alla sfida decisiva contro Arechi nello scontro salvezza”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*