Prorogata fino al 5 maggio la mostra su “Gli Impressionisti a Catania”

Un successo di pubblico la mostra di Palazzo Platamone (Palazzo della Cultura) a Catania sul movimento artistico che coinvolse gli anni a cavallo del XIX-XX secolo, ora prorogata, a cura degli organizzatori con in testa il Comune di Catania e l’Associazione culturale Sicilia musei, fino al prossimo 5 maggio (l’apertura porta la data del 20 ottobre scorso).

Un successo decretato dalla significativa presenza di opere di tutti (o quasi) gli artisti coinvolti, e non solo di quelli più conosciuti – le “prime donne” come vengono chiamate nella brochure della mostra catanese – Renoir, Monet, Cezanne, Pissarro, Manet, Degan e tanti altri.

“La mostra più completa mai apparsa in Italia su questo movimento” – che non è cosa da poco – che “farà scoprire anche tutte le ricerche che questi artisti portarono avanti in un’epoca di grandi sconvolgimenti dalla pittura ad olio al pastello, dalla ceramica alla scultura, dal disegno alla grafica” e di confronto con la sfida portata dalla fotografia, nata alcuni anni prima del 1874 che segna la data ufficiale di nascita dell’Impressionismo.

La mostra, per il percorso straordinariamente unico seguito nella presentazione delle opere e degli artisti, è nata con l’ambizione di essere un “grande omaggio non solo alla città di Catania ma anche alla Sicilia tutta che merita mostre uniche ed irripetibili”. Ci restano ancora pochi giorni, fino alla chiusura, per lasciarci sorprendere anche noi, con le emozioni prima di tutto.

Vincenzo Caruso

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*