Nuovo anno scolastico con l’aria di “casa” all’Istituto S. Maria della Mercede

Il nuovo anno scolastico per i bambini dell’Istituto Santa Maria della Mercede, di Sant’Agata Li Battiati, ha come tema conduttore il valore “casa” e prosegue l’azione formatrice avviata da Padre Giuliano che è stato ricordato nel primo anniversario della sua dipartita,

La scuola è una comunità che prolunga l’aria di famiglia e il senso dello star bene in casa, favorendo una crescita armonica e ben integrata tra contenuti, discipline e competenze.

Il Sindaco Nunzio Rubino e la direttrice  Lina Di Caro hanno svelato un artistico quadro con il volto sorridente di Padre Giuliano, collocato all’ingresso dell’Istituto.

 Il sorriso paterno di Padre Giuliano accoglie i piccoli e trasmette un senso di affettuosa benevolenza alimentando lo spirito di comunità e di famiglia, il calore di casa che connota la scuola dell’Istituto Mercede.

L’accoglienza, l’inclusione, il dialogo non sono delle parole fredde e formali, ma diventano azioni e segni che tracciano dei solchi significativi nel cammino formativo degli studenti.

Lo sfondo del quadro, opera dell’artista Orazio Grasso, ripropone i volti di tanti bambini che hanno animato negli anni la vita dell’Istituto. Intere generazioni hanno beneficiato del carisma pedagogico dei Padre Giuliano, fondatore di una scuola aperta, innovativa, creativa e sono numerosi gli ex alunni che hanno ricevuto un’impronta di bene e che a loro volta sono stati diffusori di bene.

Un’originale festa di accoglienza,  ha avuto come protagonsita il piccolo robot Nemo  che ha spiegato ai ragazzi le regole di comportamento per una scuola attiva e dinamica.

Il robot ha attirato l’attenzione dei piccoli, coinvolgendoli  in un processo di didattica innovativa connessa alla tecnologica della comunicazione, mediante il robot, la parete interattiva  che trasforma un’intera aula in uno “Smart Environment” e secondo il progetto coordinato da Daniele Lombardo del “Behaviour Labs” i bambini vengono guidati al riconoscimento del mondo e all’uso degli oggetti in maniera creativa favorendo un apprendimento efficace.

Tra i progetti dell’anno si rinnoverà il Consiglio comunale dei Ragazzi come espressione di Educazione Civica applicata e l’uso delle pareti interattive  favorendo un maggiore coinvolgimento dei bambini alle azione didattiche  grazie alla didattica laboratoriale, serious games, di tipo ”Smart Space”, flessibile e multifunzionale.

Giuseppe Adernò

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*