Promozione, cambio di panchina per il Motta, Jemma subentra al dimissionario Patti

Il tecnico Jemma, a sn, subentrato al dimissionario Patti

Nella settimana che ha registrato il passaggio di consegne sulla panchina biancorossa del Motta S. Anastasia, e a 24 ore dalla gara di Calatabiano valida per la seconda giornata di Promozione C, riportiamo due dichiarazioni attraverso questa nota ufficiale del club.

Da un lato le motivazioni che hanno spinto Patti a fare un passo indietro: “Con grande rammarico sono giunto a questa decisione in quanto non c’erano i presupposti per continuare a guidare la squadra: nello specifico ho notato mancanza di feeling con una parte del gruppo. Ho preferito così farmi da parte. Auguro al Motta le migliori fortune e di raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio stagione”.

Dall’altro le prime parole del tecnico Vittorio Jemma che oggi, venerdì, dirigerà il terzo allenamento prima della trasferta d’anticipo del sabato. “Un rapporto tra me e il Motta nato a sorpresa. Ho avuto altri contatti con club della stessa categoria ma nei giorni scorsi ho maturato la convinzione di poter lavorare al fianco di una dirigenza che vanta caratteristiche quali la voglia, l’impegno e l’abnegazione, dai vertici della società al Diesse Santo Murè. Quindi la grande stima col gruppo di ragazzi a mia disposizione. Da subito cercheremo di intervenire sul reparto difensivo: sono certo che supereremo le difficoltà. Proveremo a mettere in pratica i tre miei allenamenti effettuati questa settimana nella difficile trasferta di Calatabiano. Una soluzione, utile per migliorarsi giorno dopo giorno, potrebbe essere il sostenere quattro allenamenti settimanali”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*