Dopo i 40 arresti eseguiti dalla Squadra Mobile, continuano i presidi nelle maggiori piazze di spaccio cittadine

Controlli della Polizia

La Polizia di Stato di Catania, dopo l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 40 soggetti, tutti arrestati dagli investigatori della Squadra Mobile per i delitti di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti del tipo marjuana e cocaina, con collegamenti con la criminalità organizzata, continua serrati controlli in quelle che sono state ritenute le principali piazze di spaccio, prestando particolare attenzione al rione popolare di San Berillo Nuovo ed a quello  di San Leone, collocato nella zona del Corso Indipendenza.

Così, nel corso del fine settimana, le pattuglie delle Volanti unitamente ai motociclisti hanno effettuato posti di controllo con l’identificazione di numerosi soggetti, proprio in questi luoghi ove giorni fa hanno operato gli agenti della Squadra Mobile. Ma, sotto la lente di ingrandimento degli agenti di polizia non sono solo i criminali del fenomeno dello spaccio ma, tutti quei avvenimenti, che vanno dalla pericolosissima guida senza casco, alla violenza, al bullismo, alla regolarità e alla sicurezza della circolazione veicolare. Insomma, nulla è tralasciato e tutto questo per garantire serenità e sicurezza al cittadino.

E proprio in ottemperanza ai servizi predisposti, nei giorni tra sabato e domenica  sono stati eseguiti controlli anche  nelle zone di  Piazza Caduti del Mare, Piazza della Repubblica, Corso Sicilia, Piazza Lupo, Piazza Federico di Svevia, Piazza Scammacca, Via Landolina e Piazza V. Bellini, raggiungendo così i seguenti complessivi risultati: persone controllate 66,  144 veicoli controllati, 39 le contestazioni al C.D.S di cui 1 per mancata assicurazione, 25 i fermi amm.vi per guida senza uso del casco protettivo, 5 i  parcheggiatori abusivi controllati e sanzionati e infine 4 gli esercizi commerciali controllati e sanzionati per una somma pari a 1.135,00 euro. 

Inoltre, ancora un arresto eseguito dalla Squadra Narcotici, nei confronti di Mario Sicali classe 1995, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere, “Operazione Tricolore” per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti., che al momento dell’operazione si trovava in Germania. Il Sicali è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*