A Librino controlli della Polizia per maltattamento animali, occupazione abusiva alloggi comunali e installazione impianti di videosorveglianza, due gli indagati

Telecamera installata a Librino

Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha eseguito controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di Librino con particolare riferimento al dilagante fenomeno del maltrattamento degli animali, dell’occupazione abusiva degli alloggi del Comune di Catania e degli impianti di videosorveglianza rivolti sulla pubblica via e in uso a soggetti vicini alla criminalità organizzata al fine di eludere i controlli di polizia e quindi favorire azioni illecite.

Particolare rilievo assume il controllo eseguito in viale Grimaldi dove 2 soggetti, di cui uno percettore di reddito di cittadinanza, i quali sono stati indagati in stato di libertà per aver occupato abusivamente un immobile di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari e, fatto di rilievo, che all’interno dell’abitazione è stato rinvenuto anche un impianto di videosorveglianza ben articolato e idoneo a riprendere tutti i punti di accesso in detto stabile.

Le molteplici telecamere, che al momento del controllo di polizia riprendevano anche i poliziotti presenti sulla pubblica via, erano ben occultate e posizionate finanche nelle terrazze degli edifici. Per tale motivo, i responsabili saranno segnalati alle autorità competenti tra cui l’Autorità Garante per la trattazione dei dati personali.

Cavallo tenuto in cattive condizioni

A seguire, un altro soggetto, parente dei suindicati indagati, sono stati contestati i reati di abuso edilizio, invasione di terreni pubblici e, detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura, tali da creargli gravi sofferenze. Nello specifico l’individuo ha costruito un manufatto in cemento all’interno del quale è stata allestita una stalla abusiva con all’interno 2 puledri; questi poveri animali, tenuti per arrecare piacere ai figli, versavano in condizioni pessime, infatti,  erano chiusi al buio, senza aereazione naturale e con acqua sporca per poter bere. Alla luce di quanto sopra, oltre al ripristino delle condizioni di benessere dell’animale, si è proceduto a segnalare i fatti all’Asp Veterinari.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*