Scuola Polizia Penitenziaria, a S. Pietro Clarenza autoclave guasta. Armando Algozzino (Uilpa P. P.): “Struttura emblema dello sfascio della Pubblica Amministrazione”

Armando Algozzino S. Commissario nazionale UILPA Polizia Penitenziaria

“La Scuola di Formazione e Aggiornamento del Corpo di Polizia e del Personale dell’Amministrazione Penitenziaria di San Pietro Clarenza, in provincia di Catania, rischia di rimanere a corto di acqua a causa del mancato funzionamento dell’autoclave”: è l’allarme lanciato da Armando Algozzino, S.Commissario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria in merito alle attuali condizioni della struttura, situata in via dei Papaveri 13.

Tecnicamente, le pompe dell’autoclave – quattro in tutto – si sono progressivamente rotte: nel tempo, è stata chiesta la loro sostituzione ma l’Amministrazione, secondo il sindacato,  non ha provveduto a finanziare gli interventi all’impianto nei tempi adeguati per garantire igiene e salubrità agli ambienti.

“L’acqua non arriva più al block house, né tantomeno al bar, alla mensa e alla stessa Direzione – denuncia l’esponente sindacale – per non parlare degli alloggi residenziali che ospitano le famiglie e della Didattica”.

“Le pulizie    –  precisa  –  vengono effettuate con le riserve idriche destinate allo spegnimento degli incendi: una situazione indecorosa che racconta alla perfezione lo stato di abbandono di questa realtà così importante nello scenario della pubblica amministrazione, dove attualmente si svolgono il 176° e 177° Corso che interessano complessivamente circa 200 allievi, ai quali ovviamente si aggiungono agenti e personale amministrativo lì in servizio, ma anche tutor e docenti impegnati nella formazione”.

“Un presidio di legalità che dovrebbe rappresentare una punta di diamante per il territorio catanese e per tutto il Mezzogiorno  – afferma Algozzino  –  diventa invece l’emblema di una pubblica amministrazione allo sfascio, malgrado le ripetute richieste inoltrate al Provveditorato nell’ultimo quinquennio”.

“Uno stato di abbandono  – osserva –  che non può lasciarci indifferenti: le segreterie provinciali e regionali della UILPA Polizia Penitenziaria hanno raccolto infinite lamentele da parte del personale che ha denunciato l’assenza di pulizia e delle condizioni adeguate per lavorare”.

 “Chiediamo all’Amministrazione  –  conclude il S.Commissario nazionale della UILPA Polizia Penitenziaria – di intervenire immediatamente e ripristinare le condizioni di vivibilità originarie della struttura”.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*