Al “Musco” di Catania domani si presenta “Medea”, regia di Sebastiano Mancuso, tra innovazione e miti antichi vicini alle paure di oggi

Luana Toscano e Liborio Natali durante le prove

Il regista Sebastiano Mancuso, cresciuto sotto la guida di Lamberto Puggelli al Teatro Stabile di Catania e reduce dal successo italo francese della tournee di “Che fine ha fatto Baby Jane” e “Piano piano dolce Carlotta” con la compagnia Absinthe Teatro, insieme all’intero cast della pièce “Medea” composto da Luana Toscano, Liborio Natali, Tony Palazzo, Antonella Scornavacca, Martina Cassenti e Sarah Zuccarello giovedì 3 ottobre, alle ore 10.30, sul palco del Teatro Musco presenteranno l’innovativa messa in scena ispirata all’opera di Jean Anouilh scritta nel 1946.

“Il testo di Jean Anouilh– dichiara Sebastiano Mancusoriflette delle sollecitazioni morali del periodo come l’esilio, l’omicidio e l’avversione indiscriminata nei confronti degli stranieri fino a sfociare nella xenofobia, sentimenti di odio che oggi a distanza di oltre settant’anni sono, purtroppo. estremamente attuali. Sarà una Medea decisamente innovativa, che punta all’introspezione psicologica dei personaggi. per questo la scelta del cast non è stata semplice ed ha richiesto un lungo periodo di selezione. Questa rappresentazione per la complessa struttura drammaturgica con caratteristiche uniche ed originali metterà alla prova l’intero cast, che poterà in scena un’umanità piena di paure tipiche della nostra società”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*