Classica&Dintorni: il 19 ottobre a Catania, da Bach a Jobim con il duo brasiliano Ayres Potthoff e Daniel Wolff

Può un programma di sala di musica classica attraversare – indenne e divertendo il pubblico – quattrocento anni di musica, misurandosi con partiture che vanno da Bach (Germania del XVII secolo) a Jobim (Brasile del 1900)? La risposta è sì, se di scena è il duo brasiliano di flauto e chitarra Ayres Potthoff e Daniel Wolff. Sono loro gli ospiti internazionali di Classica & Dintorni, attesi sabato 19 ottobre, al Castello Ursino per il penultimo appuntamento della stagione 2019. Il concerto comincia alle 19.30 e sarà preceduto alle 19 dalle conversazioni d’autore a cura del musicologo Giuseppe Montemagno con i musicisti e l’attore. La partecipazione alla presentazione è gratuita.

Il programma di Potthoff e Wolff, come anticipato, spazia dai classici europei come Bach (Suite Francese in sol maggiore) a Schubert (con un arrangiamento per flauto e chitarra su brani del musicista austriaco a cura del chitarrista Wolff). A seguire sono autori latino americani del Novecento: Villa Lobos (con un’Aria dalle Bachianas Brasileiras: nove brani ispirati ai concerti brandeburghesi di Bach e intrisi di musica popolare brasiliana come omaggio al maestro del contrappunto e del monumentale “Clavicembalo ben temperato”; Astor Piazzolla con Cafè 1930 e Bordel 1900; Jobim (Chovendo na roseira), Egberto Gismonti (Karate) e lo stesso Wolff con una sua composizione “Tremata e Choro da peste”. 

Ultimo appuntamento di Classica & Dintorni sabato 26 ottobre Armoniensemble Guitar Trio: Palma Di Gaetano (flauto), Giordano Muolo (clarinetto), Vincenzo Zecca (chitarra) e musiche di D’Ambrosio, Paradiso, Roselli, Tortora.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*