“Donna Sport”, tra le premiate della quinta edizione la siciliana Giulia Giorgi

Vincono a scuola e in gara, sono giovani e brillanti ma allo stesso tempo determinate e caparbie. Le trionfatrici della quinta edizione di Donna Sport, il concorso ideato dal Gruppo Bracco per sostenere e valorizzare lo sport femminile abbinato ai meriti scolastici sono sei. Tre nella categoria atlete e tre in quella paratlete.

La partecipazione delle giovani paratlete impegnate in una disciplina sportiva a livello agonistico fra quelle federate in ambito CIP (Comitato Italiano Paralimpico) dimostra come lo sport femminile sia in costante aumento sia nelle diverse discipline sia sul “podio” delle competizioni. Una realtà che negli anni ha contribuito a dare valore aggiunto allo sport e che può contare su una presenza femminile importante, in termini di quantità e qualità dell’impegno agonistico. 

A premiare quest’anno le giovani ragazze un parterre di personaggi che hanno scritto la storia dello sport del nostro Paese e hanno portato il nome dell’Italia oltre i confini nazionali. Tra questi Giovanni Galli, ex calciatore italiano che ha giocato con Fiorentina, Milan e Napoli, campione del mondo con la nazionale italiana nel 1982, è stato uno dei migliori portieri degli anni ottanta, Martina Caironi, campionessa paralimpica sui 100 metri piani ai giochi di Londra 2012 e sui 100 metri piani e argento sul salto in lungo ai Rio 2016, Arjola Trimi, nuotatrice italiana vicecampionessa paralimpica, campionessa mondiale e sei volte campionessa europea, Marta Carissimi, calciatrice italianacentrocampista dell’AC Milan e della nazionale italiana. Tutti quanti hanno sostenuto e seguito questa edizione del concorso supportando l’iniziativa e spronando le giovani atlete ad iscriversi al concorso attraverso appelli fatti sulla rete tramite i canali social.

“DonnaSport oggi festeggia la sua quinta edizione: un concorso nazionale che sicuramente rappresenta un importante trampolino di lancio per chi ha deciso che nella vita vuole continuare a studiare per assicurarsi un futuro professionale e lavorativo ma anche coltivare ad alto livello la passione dello sport declinata nelle sue tante discipline agonistiche”, ha spiegato Martina Cambiaghi, Assessore a Sport e Giovani di Regione Lombardia. “Partecipare a DonnaSport è sicuramente un’importante fonte di ispirazione. Sono diversi gli esempi tra le vincitrici delle scorse edizioni che hanno poi avuto importanti risultati internazionali. Il mio augurio per tutte le ragazze che hanno partecipato alla quinta edizione del Concorso indetto dal Gruppo Bracco, è che nella vita possano sempre guidarvi i valori sportivi oltre a fatica e sudore, che avete imparato sul campo. Lealtà, competizione, correttezza e tenacia sono gli obiettivi da perseguire anche nello studio, veri validi aiuti per diventare quello che sognate anche professionalmente».

“La grande partecipazione al concorso conferma che studio e sport sono compatibili”, afferma Diana Bracco Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Bracco. “Vogliamo valorizzare le giovani atlete che cercano di raggiungere risultati e traguardi fondamentali nello sport e nello studio, per affermarsi poi nella vita. Raggiungere alti livelli nel proprio curriculum scolastico ed eccellere nelle competizioni agonistiche è sintomo di uno straordinario connubio di crescita fisica e mentale”.

Dal 2011 ad oggi, 1.500 le atlete candidate, in prevalenza tra i 16 e i 17 anni. Al concorso quest’anno si sono iscritte 180 ragazze che praticano una disciplina sportiva a livello agonistico fra quelle federate in ambito Coni e Cip e che nell’anno scolastico 2018-2019 hanno frequentato un corso di studi ottenendo eccellenti risultati.

Ben 32 discipline rappresentate tra cui le prime dieci sono state: Canoa/Kayak, Karate, Atletica leggera, Judo, Pallavolo, Danza sportiva, Rugby, Nuoto, Tiro con l’arco e Pattinaggio artistico. Diciotto l’età media delle giovani partecipanti al concorso, con una media scolastica di 8,3.  Milano, Roma, Torino e Napoli le prime quattro province di provenienza.  

Le vincitrici:


Monica Boggioni, Diana Bracco, Giulia Giorgi e Giovanni Galli

Giulia Giorgi, Judo, Sciacca (Agrigento) classe 2003: Primo posto

Data di nascita: 16/04/2003

Età: 16 anni

Luogo di residenza: Sciacca (Agrigento)

Sport: Judo

Società Sportiva: HYDRA Villabate (Palermo)

Curriculum sportivo: Giuliaha conquistato il titolo di Campionessa Italiana Cadetti nella Categoria 40Kg ad aprile 2018, anno in cui vince anche 2 medaglie d’oro Cadet European Judo Cup, in Croazia e in Portogallo, e diventa Vice Campionessa Europea Medaglia d’argento nella categoria 40 kg al Cadet European Judo Championship a Sarajevo. A luglio 2019, si è posizionata settima nella categoria 44 kg alle Olimpiadi giovanili a Baku (Azerbaigian).

Curriculum scolastico: studentessa presso il Liceo Scientifico E. Fermi a Sciacca, conclude il primo anno di corso con una media dei voti pari a 9.9.

Monica Boggioni, nuoto paralimpico, Pavia, classe 1998: Primo posto cat. paralimpica

Anna Gallo, pattinaggio corsa, Noventa Vicentina (Vicenza), classe 2001: Secondo posto

Laura Dotto, atletica leggera, Paese (Treviso), classe 1999: Secondo posto cat. paralimpica

Sara Puglisi, hockey su prato, San Giuliano Terme (Pisa), classe 2000: Terzo posto

Angela Procida, nuoto paralimpico, Castellammare di Stabia (Napoli), classe 2000: Terzo posto cat. paralimpica

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*