Al “Metropolitan” di Catania il 27 Ottobre “Un profumo a tradimento”, commedia degli equivoci di Carmelo Russo

Una scena dello spettacolo

Per la decima Rassegna De Curtis, al Teatro Metropolitan di Catania Domenica 27 ottobre, ore 18, la Nuova Compagnia Sipario di Turi e Federica Amore, presenta lo spettacolo “Un profumo a tradimento” di Carmelo Russo, per l’adattamento e la regia di Emanuele Puglia. In scena Turi Amore, Marta Limoli, Iolanda Fichera, Federica Amore e Gianluca Barbagallo e la partecipazione dello stesso Emanuele Puglia.

“Una trama essenziale, sul solco delle più classiche commedie degli equivoci, spiega il regista Emanuele Puglia è la base per questo spettacolo di pura evasione. Il testo originale, per molti versi datato, è stato riadattato (dalla stessa regia, in fase preparatoria) per venire incontro ai gusti del pubblico degli anni Venti di questo nuovo secolo e, a tal scopo, arricchito da numerosi spunti comici non presenti nella stesura originaria”.

L’ambientazione temporale negli anni 60, scandita da alcuni brani musicali d’epoca, giustifica “l’ingenua morale” che anima le azioni dei personaggi. La provenienza geografica (la Sicilia) del protagonista e del suo maggiordomo dà modo ai suoi interpreti di giocare tra di loro e con gli altri personaggi sul filo dell’incomprensione lessicale con conseguenti spunti comici.S punto della vicenda è l’evento mondano della città in occasione del martedì grasso. I coniugi Carolina e Ferdinando De Blasi (Marta Limoli e Turi Amore) decidono, in un primo tempo, di parteciparvi insieme per svagarsi un po’  ma, istigato dall’amico, l’avvocato Martino De Carolis (Emanuele Puglia), scapolo impenitente d’indole libertina, Ferdinando deciderà di mentire alla moglie per andare al veglione libero da vincoli coniugali inscenando una serie di equivoci al limite del possibile.

“Una sapiente caratterizzazione dei ruoli – aggiunge Turi Amore, direttore artistico, con la figlia Federica, della Nuova Compagnia Sipario – entro i limiti della credibilità (con ampi tratti di testo “cuciti su misura” addosso agli attori), la sottolineatura in chiave un po’ fumettistica di alcuni passaggi della vicenda, un pizzico di rigore stilistico e coerenza formale sono gli altri elementi essenziali che fanno di “Un profumo a tradimento”, uno spettacolo godibilissimo nello sviluppo della vicenda e nella recitazione brillante, a tratti esilarante, dei suoi interpreti, come dimostra il consenso unanime del pubblico del Teatro Garibaldi di Piazza Armerina dove la pièce ha già debuttato nei giorni 19 e 20 Ottobre”.

di Michele Minnicino 20313 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*