Assegnati 90 punti da Robert Parker per il Cavanera Rosso Etna DOC 2014

Assegnati 90 punti Robert Parker  al Cru Rosso dell’Etna, Cavanera Rovo delle Coturnie Etna DOC 2014.

Robert M. Parker Jr. è un critico enologico statunitense. Le sue valutazioni del vino su una scala di 100 punti e la sua newsletter The Wine Advocate sono influenti nell’acquisto di vino a livello mondiale.

Un rosso tutto etneo, che conquista nel suo aggraziato blend di varietà endemiche del vulcano: nerello cappuccio e nerello mascalese. Armonico e seducente, da tannini vellutati e allettanti note speziate, è un etichetta che restituisce tutta la forza de vulcano. Riscalda quest’autunno con il rosso dell’Etna firmato casa Firriato e lasciati avvolgere dalle note di noce moscata, piccoli frutti rossi, lampone, pepe nero e petali di rosa, che incontrano delicate e caratteristiche sfumature minerali.

Dai vigneti allevati nei suoli neri e sabbiosi del vulcano nasce Cavanera Rovo delle Coturnie Etna DOC. Un cru  rosso blend di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio. Questo gioiello del vulcano esprime concretamente le caratteristiche organolettiche e le peculiarità delle uve del single vineyard della Tenuta. Un vigneto esclusivamente dedicato alla nascita di questa etichetta e selezionato per la superiorità vegetativa delle viti, la qualità delle acque e il microclima. Cavanera Rovo delle Coturnie è un vino dai sentori spiccatamente minerali che si contraddistingue per eleganza alcolica e sentori speziati tipici del Nerello Mascalese. Al calice si rivela di colore rosso rubino tenue ed erompe con l’intensità dei profumi di piccoli frutti rossi. Predominante è la corposità del gusto e la seduzione dei tannini.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*