Combattere il vandalismo nella IV municipalità con progetti sociali e forme di cittadinanza attiva

Strutture della IV municipalità imbrattate dai vandali

Da qualsiasi punto lo si voglia affrontare il vandalismo nella IV municipalità costituisce un enorme problema perché, come nel resto di Catania, colpisce i principali luoghi di aggregazione della gente come parchi, piazze e bambinopoli.

“Un problema che ho deciso di affrontare sin dal primo momento del mio insediamento– afferma il presidente della IV municipalità Erio Bucetida San Giovanni Galermo a Cibali, comprendendo Trappeto Nord e San Nullo, non c’è un solo quartiere che non sia immune dall’odiosa azione di teppisti che distruggono e imbrattano l’arredo urbano. Un danno incalcolabile in termini di vivibilità e di costi legati alla manutenzione straordinaria che pesa sulle spalle dei cittadini. Per queste ragioni ho deciso di attivare un progetto che preveda forme specifiche di cittadinanza attiva e consentire così ai cittadini di riappropriarsi del proprio territorio. Un coinvolgimento in cui inserire pure le parrocchie, gli scout e le varie associazioni che agiscono nella nostra municipalità”.

Piazza Beppe Montana, l’ex scuola “Padre Santo di Guardo” di via Belvedere, parco degli Ulivi, la bambinopoli di piazza Horacio Majorana e parco Gandhi. Queste sono solo alcune strutture della IV municipalità danneggiate dai vandali.

“In piena sinergia con l’amministrazione centrale– dichiara il presidente circoscrizionale- vogliamo attivare un piano di prevenzione contro i raid teppistici, un progetto che assicuri il recupero degli immobili e la protezione dai vandali. Dettagli, molti fatti concreti e tempi annunciati di attuazione”. Siti con nuove possibilità di rilancio. Sedi che possano diventare il volto migliore della municipalità.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*