La Polizia Stradale, sulla tangenziale, salva un giovane che assunta cocaina, rischiava di essere travolto dalle auto

Polizia Stradale

Nel pomeriggio di ieri, 29 ottobre, nell’ambito dei servizi predisposti dal Compartimento Polizia Stradale “Sicilia Orientale” di Catania, mirati al controllo del territorio e alla vigilanza stradale, gli agenti di una pattuglia del Distaccamento di Caltagirone, nell’espletamento del servizio lungo la Tangenziale di Catania, transitando sulla predetta arteria stradale, all’altezza del km 6+600 – in territorio ricadente nel Comune di Misterbianco – si sono accorti di un giovane che camminava a piedi, con passo incerto, sulla corsia di emergenza, in evidente stato confusionale.

Prontamente, i poliziotti lo hanno raggiunto e si sono accorti del suo stato di alterazione psico-fisica (infatti, vagava mormorando frasi sconnesse, con lo sguardo perso nel vuoto, in balia ad allucinazioni); quindi, hanno richiesto l’intervento immediato di un’ambulanza, prodigandosi al contempo di tenerlo lontano dalla corsia di marcia dei veicoli.

Il giovane, però, colto da ripetuti raptus, ha tentato di lanciarsi sotto le auto che transitavano sulla Tangenziale; nonostante ciò, gli operatori, sono riusciti a trattenerlo, con non pochi sforzi, fino all’arrivo degli operatori del 118, ai quali lo stesso è stato affidato per le cure del caso. In tasca al giovane e a bordo del veicolo sono stati trovati tre involucri di cocaina, sostanza che, si presume, abbia assunto prima di incamminarsi, pericolosamente, in quella che, solo grazie all’intervento degli uomini della Polizia di Stato, non si è trasformata in una tragedia.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*