Urgenti interventi di recupero nella sede della IV municipalità di via Galermo, richiesta dei consiglieri Zingale e Cavallaro

Intervento Vigili del Fuoco lo scorso Ottobre nella sede della IV Municipalità

La riqualificazione e la manutenzione straordinaria dell’intero plesso che compone la sede della IV municipalità di via Galermo a Catania non può essere più ritardata. Una richiesta che i consiglieri Giuseppe Zingale e Rosario Cavallaro hanno sottoposto da settimane al Comune. In seguito ad una denuncia presentata dal consigliere Cavallaro, al Commissariato di Nesima lo scorso ottobre, c’è stato l’intervento dei vigili del fuoco e della protezione civile che hanno preso visione della gravità della situazione eliminando ampie parti di intonaci e calcinacci dalle pareti e mettendo in sicurezza i punti più pericolosi della circoscrizione. In particolare i pompieri hanno transennato una parte del corridoio principale e creato un percorso obbligatorio che permette ai cittadini di raggiungere comunque gli uffici circoscrizionali. Ad oggi però non c’è stato nessun intervento importante da parte dell’amministrazione comunale per riqualificare un plesso molto vecchio e che risente di decenni di assoluto abbandono. E’ bene ribadire che il consigliere Giuseppe Zingale non chiede  la chiusura della sede circoscrizionale di via Galermo visto che si andrebbero a danneggiare le migliaia di persone che ogni giorno usufruiscono degli innumerevoli servizi messi a disposizione. Al contrario, il consigliere della IV municipalità richiede all’amministrazione un’opera di manutenzione straordinaria e di valorizzazione di tanti spazi rimasti inutilizzati per anni nell’impianto di Trappeto Nord.     

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*