Fondazione Telethon, la ricerca arriva “sotto casa” si dona anche dal tabaccaio

La lotta alle malattie genetiche rare adesso arriva “sotto casa”, con una comoda donazione presso il proprio tabaccaio di fiducia.Grazie a una rete di 40.000 punti vendita in tutta Italia, ossia il network di tutti i tabaccai convenzionati con LIS Istituto di Pagamento S.p.A, d’ora in poi hai una nuova occasione per sostenere la ricerca scientifica, aggiungendo così il proprio prezioso contributo al grande sforzo per dare una speranza a quanti sono colpiti da una malattia genetica rara. Fondazione Telethon per avvicinarsi sempre di più ai suoi donatori ha infatti stretto un accordo con LIS Istituto di Pagamento S.p.A (LIS IP), che si avvale per questo progetto anche del supporto della Federazione Italiana Tabaccai.

Nasce così un nuovo canale di raccolta che contribuirà a migliorare la qualità della vita dei pazienti di oggi, aiutando la ricerca di una cura definitiva per quelli di domani.

Donare è semplicissimo: basta recarsi muniti del proprio codice fiscale in una delle tabaccherie convenzionate LIS IP del Paese e scegliere tra un importo fisso di 2€, 5€, 10€, 20€ o 50€ o un importo libero da un minimo di 2€ ad un massimo di 150€. Inoltre è possibile donare anche tramite lettura di un QR Code o barcode che il donatore potrà trovare come coupon su riviste, bollette, mailing, ecc. Sullo scontrino, emesso dai terminali Lottomatica Servizi come ricevuta di avvenuto pagamento, saranno specificati il taglio della donazione prescelto e il codice fiscale, in questo modo chi dona può usufruire dei benefici fiscali in fase di dichiarazione dei redditi. La transazione non prevede nessun costo di commissione per il cliente donatore, l’intero importo raccolto verrà infatti trasferito a Fondazione Telethon a sostegno della ricerca.  

“Questo progetto è l’occasione per Lottomatica Servizi di sostenere e condividere una causa sociale concreta nella quale riconoscersi e ritrovare valori comuni. Valori condivisi anche dalla Federazione Italiana Tabaccai (FIT) che da sempre vede nel tabaccaio una figura centrale nei rapporti tra cittadino e istituzioni” – ha dichiarato Giovanni Risso, Presidente Nazionale FIT.

“La capillare rete dei tabaccai convenzionati con il nostro intermediario finanziario LIS IP, si pone come nuovo canale al servizio sia della raccolta fondi per la ricerca scientifica sia dei cittadini che vogliono contribuire con una donazione in favore di Telethon” – ha aggiunto Francesco Marrara, AD Lottomatica Servizi.

“Fondazione Telethon è oggi in Italia una delle principali charity biomediche e, grazie alla generosità dei donatori, finanzia da quasi 30 anni ricerca d’eccellenza sulle malattie genetiche rare, patologie terribili che proprio a causa della loro rarità spesso non ricevono l’attenzione che meriterebbero” – commenta infine Francesca Pasinelli, Direttore Generale di Fondazione Telethon. “Per questo desidero ringraziare Lottomatica Servizi e la Federazione Italiana Tabaccai, e tutti i tabaccai che si sono attivati per promuovere la raccolta e contribuire al successo di questo importante progetto, che consentirà ai ricercatori Telethon di continuare a lavorare per offrire risposte concrete e terapie a un numero sempre maggiore di persone con una malattia genetica rara”.

Fondazione Telethon è una delle principali charity biomediche italiane, nata nel 1990 per iniziativa di un gruppo di pazienti affetti da distrofia muscolare. La sua missione è di arrivare alla cura delle malattie genetiche rare grazie a una ricerca scientifica di eccellenza, selezionata secondo le migliori prassi condivise a livello internazionale. Attraverso un metodo unico nel panorama italiano, segue l’intera “filiera della ricerca” occupandosi della raccolta fondi, della selezione e del finanziamento dei progetti e dell’attività stessa di ricerca portata avanti nei centri e nei laboratori della Fondazione. Telethon inoltre sviluppa collaborazioni con istituzioni sanitarie pubbliche e industrie farmaceutiche per tradurre i risultati della ricerca in terapie accessibili ai pazienti. Dalla sua fondazione ha investito in ricerca oltre 528 milioni di euro, ha finanziato oltre 2.630 progetti con oltre 1.600 ricercatori coinvolti e più di 570 malattie studiate. Ad oggi grazie a Fondazione Telethon è stata resa disponibile la prima terapia genica con cellule staminali al mondo, nata grazie alla collaborazione con GlaxoSmithKline e Ospedale San Raffaele. Strimvelis, questo il nome commerciale della terapia, è destinata al trattamento dell’ADA-SCID, una grave immunodeficienza che compromette le difese dell’organismo fin dalla nascita. La terapia genica è in fase avanzata di sperimentazione anche per la leucodistrofia metacromatica (una grave malattia neurodegenerativa), la sindrome di Wiskott-Aldrich (un’immunodeficienza), la beta talassemia, e due malattie metaboliche dell’infanzia (rispettivamente, la mucopolisaccaridosi di tipo 6 e di tipo 1). Inoltre, all’interno degli istituti Telethon è in fase avanzata di studio o di sviluppo una strategia terapeutica mirata anche per altre malattie genetiche, come per esempio l’emofilia o diversi difetti ereditari della vista. Parallelamente, continua in tutti i laboratori finanziati da Telethon lo studio dei meccanismi di base e di potenziali approcci terapeutici per patologie ancora senza risposta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*