A Vittoria nasce la “Comunità Slow Food”. Primo appuntamento: l’«Aperitivo Slow di Artemisia» con cibi sani e genuini

Nasce a Vittoria una “Comunità Slow Food”. L’obiettivo è la promozione di una nuova cultura del cibo buono, pulito e giusto per tutti e di favorire una sana educazione alimentare, che privilegi l’utilizzo di cibi naturali, in armonia con l’ambiente. La comunità di Vittoria si è costituita lo scorso 27 agosto. Sarà presentata ufficialmente alla città all’inizio del 2020.

A promuovere la comunità Slow Food sono dieci componenti della zona di Vittoria, Comiso, Chiaramonte, Caltagirone: Jessica Carpin e Raul Pace, di Villa Melina (Comiso), azienda per la produzione di ortaggi con colture biodinamiche, Vanessa Di Stefano, di Molino Soprano, di Chiaramonte Gulfi, Giovanni Sallemi, titolare di un’azienda vitivinicola a Caltagirone e sette aziende di Vittoria:  Alessandra Venosi e Licio Marchese, di Bar Cafè, Pinella Barbera, Eva Caponnetto e Nuccia Fontana, di Ariadduci (produzione di marmellate), Anna Elia e Archimede Massaro, di Pizzeria Smile, Giovanni Ingallinella, produttore di olio di oliva Dop Monti Iblei, Francesco Iacono, di Caffetteria Iacono, Enza Terranova e Fabio Firrincieli, de “La bottega di Fabio ed Enza”, Maria Antonella Arangio Mazza Corallo, che gestisce il B&B “A casa di Antonella. Nella terra del Cerasuolo di Vittoria”. Si tratta di sette aziende di Vittoria e tre di comuni vicini.

«La comunità Slow Food di Vittoria – spiega Maria Antonella Arangio Mazza Corallo – nasce per tutelare le nostre tradizioni, le nostre colture tradizionali, i prodotti genuini e di qualità e per veicolare, in questo modo, un’immagine bella e importante del nostro territorio, anche da un punto di vista enogastronomico. Vogliamo riscoprire le ricchezze del cibo pulito, del gusto di prodotti sani e semplici».

La comunità Slow Food ha avviato una serie di appuntamenti con l’obiettivo di offrire alla città dei momenti di approfondimento e per “accompagnare” verso la riscoperta di una diversa e più corretta cultura del cibo. Un primo incontro, l’«Aperitivo Slow di Artemisia» si è svolto ieri nella parafarmacia Artemisia, che sostiene l’iniziativa. L’incontro è stato introdotto da Maria Antonella Arangio Mazza Corallo e Giulia Evola. Due nutrizioniste, Adriana Cilio e Lorena Ricciardello hanno parlato rispettivamente della “sana nutrizione” e della celiachia. Non a caso l’incontro si è svolto il 14 novembre, data della giornata mondiale del diabete. Dopo l’intervento di Francesco Terranova, di Fare Verde Vittoria, Vanessa Di Stefano, di Molino Soprano ha raccontato la sua esperienza e la decisione, assunta insieme al padre, di dedicarsi ad un’attività di mugnaia, in un mulino con antica macina a pietra. Aurora Fiderio, di Econatura group di Marina di Ragusa, ha spiegato la storia della sua azienda e la scelta di abbandonare l’agricoltura convenzionale optando per la biologica e biodinamica, certificata Demeter. Anche Giovanni Cappello, di BioMigliore, di Vittoria, ha presentato la scelta di avviare delle colture biologiche. Michele Betta ha presentato i prodotti per l’agricoltura bionaturali, che contengono principi attivi naturali e non chimici. La serata si è conclusa con la degustazione di cibi bionaturali, preparati dai promotori dell’iniziativa e accompagnati da vino Cerasuolo docg.

«Guardiamo al futuro – hanno detto gli organizzatori – con speranza e tanto ottimismo. Vogliamo donare quest’esperienza alla nostra città e far si che tanti comprendano l’importanza di un’alimentazione sana e genuina ed apprezzino la scelta di valorizzare le colture tradizionali ed i cibi tipici, che possono fare da volano, da valore aggiunto, per lo sviluppo del territorio».

Info e contatti:

pagina facebook:       Slow Food Comunità di Vittoria

indirizzo email:         comunitadivittoria@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*