Via Salvatore Paola, nella circoscrizione “Borgo Sanzio”, con marciapiedi off limits, erbacce e buche

Marciapiedi in via Salvatore Paola

Assi di legno, rete di protezione ed erbacce alte. Questo è quello che si trova sui marciapiedi di via Salvatore di Paola. La strada che collega piazza Lanza con via Antonino Longo è stata segnalata più volte dai cittadini perché un’ampia parte del passaggio pedonale è letteralmente impraticabile. “Una questione che, in qualità di consigliere del municipio di “Borgo-Sanzio”,- afferma Orazio Grassoho immediatamente segnalato alla circoscrizione nel corso dell’ultimo consiglio. Si tratta di una situazione estremamente delicata visto che l’area è stata transennata perché il vicino muro perimetrale rischiava di crollare da un momento all’altro. Oggi la preoccupazione dei residenti e dei pendolari di una strada fortemente trafficata è che, senza manutenzione straordinaria, il problema non possa far altro che peggiorare nel tempo”.

Marciapiedi transennati

Chi decide di attraversare via Salvatore di Paola a piedi è costretto, per ampi tratti, a camminare ai bordi della strada tra le auto parcheggiate in entrambi i lati. Marciapiedi off limits anche a causa delle buche e degli avvallamenti presenti ovunque. Un percorso ad ostacoli dove si mette a rischio la propria incolumità. ”Basta un attimo di distrazione e si rischia di farsi molto male– aggiunge il consigliere Orazio Grasso- per queste ragioni l’intervento della direzione competente è fondamentale. Il Sindaco in passato ha dimostrato di avere massima attenzione per questo genere di problematiche e sono sicuro che, con la collaborazione di tutti, potremo dare una risposta positiva ai cittadini”.

di Michele Minnicino 20312 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*