La LAV Catania scende in piazza per chiedere il ripristino del soccorso degli animali feriti

Venerdì 20 dicembre, è in programma la visita del Presidente della Regione, Nello Musumeci all’ASP Veterinaria, le Associazioni animaliste hanno organizzato un sit-in per chiedere il ripristino del soccorso degli animali feriti, obbligatorio per Legge, attualmente sospeso da moltissimi Comuni della Provincia, a partire da Catania.

Pubblichiamo l’appello lanciato dalla Lega Anti Vivisezione presente nella pagina FB dell’associazione animalista https://www.facebook.com/events/996293844074805/

In occasione dell’inaugurazione delle nuove “gabbie di degenza” post-sterilizzazione dell’ASP Veterinaria di Nesima, che vedrà la presenza del Presidente della Regione Siciliana (al quale abbiamo chiesto svariati incontri senza ottenere alcuna risposta..) è doveroso approfittare di questa visita per RAPPRESENTARE la INACCETTABILE CONDIZIONE attuale e PRETENDERE il RISPETTO DELLE VIGENTI NORMATIVE SUL SOCCORSO DEGLI ANIMALI RANDAGI!!

I fantasiosi tentativi posti in essere PER CONTRASTARE LE CAUSE DEL RANDAGISMO tanto dai Comuni che dalla stessa Regione, sino a questo momento appaiono surreali, miopi e talvolta privi di ogni legame con la reale condizione degli animali dei nostri territori; VITTIME quotidiane di trattamenti vergognosi da parte di individui per cui le LEGGI di tutela e rispetto degli animali sembrano qualcosa che non li riguardi… come non riguarda gli ORGANI che quei diritti dovrebbero far rispettare…

Come lo STRAVAGANTE progetto STERILIZZAZIONE, voluto dallo stesso Presidente Musumeci, che si è rivelato nei numeri e nei metodi un FLOP agghiacciante sulla pelle degli animali, proprio a causa del TOTALE SCOLLAMENTO dalla realtà del territorio: finanziato infatti dalla Regione con 430 MILA EURO, le sterilizzazioni effettuate sono state circa 800.. mentre non si ritiene di dover intervenire su i Comuni che lasciano gli animali feriti a morire su strada per MANCATO SOCCORSO.

Da troppo tempo infatti, in moltissimi Comuni della Provincia di Catania è sospeso il Servizio di Soccorso e Recupero degli animali feriti che ci rimettono spesso la vita a CAUSA della “negligenza” degli Enti preposti all’attuazione e al controllo della TUTELA del benessere ANIMALE.
Le responsabilità SONO da ripartire su più livelli e vorremmo che TUTTI gli Enti preposti (ciascuno per le proprie competenze) affrontassero i propri doveri!

Il “nuovo GOVERNO regionale” che, non appena insediatosi si era posto come ENTE RISOLUTORE delle problematiche correlate al randagismo, NON HA PRODOTTO ad oggi miglioramenti anzi, i risultati sono sotto gli occhi di tutti… gli animali muoiono ogni giorno, feriti, malati, avvelenati, abbandonati a loro stessi.

Al sit-in ORDINATO si esporranno FOTO e CARTELLI inerenti; è l’occasione per portare a conoscenza del PRESIDENTE quanto accade quotidianamente in modo ASSOLUTAMENTE PACIFICO!

Si SCONSIGLIA di portare animali PER evitare STRESS ed eventuali tafferugli tra gli stessi.

Per chi vuole saperne di più su come DOVREBBERO funzionare le cose su carta lasciamo la Legge Regionale n° 15 del 2000 http://www.regione.sicilia.it/presidenza/contrstrat/attuazione/leggi%20regionali/03-07-00%20n.%2015.htm

Si ricorda che LA RESPONSABILITÀ DEL SOCCORSO DEGLI ANIMALI È IN CAPO AI SINDACI ma che LA REGIONE gioca un ruolo fondamentale di coordinazione e vigilanza, oltre ad avere IL POTERE di SCRIVERE ed EMANARE nuovi strumenti normativi di TUTELA ANIMALE.

Per maggiori info 349/6184467

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*