Allerta crisi d’impresa, Carmelo Finocchiaro (Confedercontribuenti): “In Sicilia fenomeno ancora più diffuso”

Operai

Oltre 60 mila società di capitali a rischio allerta (tradotto: rischio di segnalazione ovvero campanello d’allarme della crisi), che in Sicilia supera le 70 mila imprese. Il rapporto Cerved, una delle più qualificate agenzie di settore, sui bilanci 2018, pubblicato oggi su “Il Sole 24 ore”, certifica uno stato di quasi collasso del tessuto imprenditoriale. “E’ una ‘strage’ -dichiara Carmelo Finocchiaro, presidente di Confedercontribuenti – i numeri parlano chiaro: siamo alle porte di una condizione di non ritorno, che mette seriamente a rischio la tenuta del sistema impresa in Italia. In Sicilia, in proporzione al dato nazionale, siamo ad oltre 70 mila imprese. Insomma, basta pochissimo, una difficoltà magari momentanea, per mettere in ginocchio, con controlli sempre più stringenti, un’impresa”.

In un quadro di per sé già allarmante, la ricerca resa nota oggi indica che è quasi sempre il patrimonio netto negativo la spia della crisi. “La Confedercontribuenti -conclude Finocchiaroevidenzia che questi dati sono davvero allarmanti, come noi sosteniamo da tempo. Per altro, c’è da chiedersi se gli organismi previsti dal ‘Codice della Crisi’, come gli organismi di composizione della crisi, siano in grado di affrontare una simile condizione generale. Non resta che prendere atto che anche per queste ragioni occorre rivedere questo ‘Codice’ salutato con favore anche da tante forze politiche, ma che in realtà non risolve, forse aggrava i problemi delle imprese”.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*