Psicosi coronavirus colpisce centro commerciale, coordinamento provinciale “Azione Catania”: “No alla caccia alle streghe”

Psicosi coronavirus

Ignoranza e disinformazione rischiano di mettere in ginocchio un pezzo di economia: da settimane, in occasione della psicosi legata al coronavirus, anche sul territorio catanese, si susseguono vicende intollerabili. E’ perentoria e dura la presa di posizione del coordinamento provinciale di “Azione Catania” con i suoi esponenti Carmelo Finocchiaro, Lanfranco Zappalà e Lucia Tuccitto. Stavolta, le cronache parlano del centro commerciale a gestione cinese “Lian-Lian” di Gravina di Catania.

Un calo intorno al 70-80% è stato registrato, una riduzione della clientela e tutto per colpa di fake news legate al nuovo morbo. “E’ vergognoso ed intollerabile quanto sta avvenendo a Gravina -continuano Finocchiaro, Zappalà e Tuccitto. “La psicosi del coronavirus sta producendo danni incalcolabili alle imprese. La nostra posizione è quindi quanto mai chiara: siamo a sostegno degli imprenditori che stanno vivendo sulla loro pelle questa sorta di ‘caccia alle streghe’ e rivolgiamo un invito a ritornare a comportamenti razionali, unica ‘medicina’ a questa forma di delirio collettivo che rischia solo di fare davvero ‘vittime’, cioè gli imprenditori cinesi”.

di Michele Minnicino 20314 articoli
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*