Serie C, finisce 0-0 al “Massimino” la sfida tra Catania e Reggina, bloccata la capolista del girone

Catania- Reggina 0-0

Un Catania attento in difesa e concentrato sino alla fine ha bloccato oggi pomeriggio al “Massimino” (0-0), sostenuto dal tifo e dagli applausi dei tifosi della Curva nord (ritornati allo stadio giovedì scorso), la capolista Reggina di Mimmo Toscano. E’ stata una partita combattuta e nel primo tempo i rossazzurri sono stati più manovrieri e pericolosi, mentre la capolista si è vista di più nella ripresa quando gli etnei hanno tirato il fiato. Da entrambe le parti non ci sono state delle occasioni eclatanti per passare in vantaggio tranne l’incrocio dei pali colpito al 2’ dal Catania con Vicente, con una conclusione dalla distanza. Tanta intensità della squadra di Lucarelli che ha sempre cercato di andare avanti e di proporre azioni pericolose, ma anche gli ospiti, con Corazza e Denis hanno provato a pungere di rimessa. Rossazzurri attenti nella fase difensiva, con Silvestri e Mbende autori di una buona gara, ma poco lucidi negli ultimi sedici metri, con un reparto offensivo poco concreto.

Ripresa con un Catania che spingeva e Reggina che si proponeva bene in ripartenza cercando l’occasione giusta con il neo entrato Reginaldo. Lucarelli poi doveva sostituire l’infortunato Salandria per Rizzo ed entravano anche Curcio, Barisic, Capanni e Welbeck che cercavano di dare più freschezza alla manovra. I rossazzurri via via accusavano però la stanchezza della partita di Coppa e nel finale le due squadre giocavano entrambe in dieci per l’espulsione di Rizzo per i padroni di casa e di Gasparetto per gli ospiti. La gara, dopo 4′ di recupero, si chiudeva sullo 0-0 (secondo pari casalingo senza reti per gli etnei) senza riservare particolari emozioni. Reggina sempre più sola in vetta con i suoi 60 punti ma fermata al “Massimino” da un Catania settimo in graduatoria e che aggancia il Teramo. Domenica per i rossazzurri altra sfida interna, nuovamente con la Ternana che ha eliminato gli etnei dalla Coppa Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*