Coronavirus, sospensione dell’attività agonistica in Sicilia, compresa quella giovanile, nel fine settimana 28 Febbraio-1 Marzo

Si ferma il rugby

La Federazione Italiana Rugby, facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, ha assunto i seguenti provvedimenti per il fine settimana dal 28 febbraio al 1 marzo: sospensione dell’attività dei campionati nazionali e, per allineamento, di tutti i Comitati regionali inclusa tutta l’attività giovanile; sospensione dell’attività di raduno delle squadre nazionali nelle regioni raggiunte dai dispositivi e loro riprogrammazione in altre sedi; posticipo al 9 maggio della tredicesima giornata del campionato italiano “Peroni TOP12”, originariamente in programma nel fine settimana corrente, con slittamento temporale di una della programmazione complessiva: le semifinali sono riprogrammate nei weekend del 23-24 maggio e del 30-31 maggio (la finale del massimo campionato nazionale è riprogrammata il 6 giugno); slittamento temporale degli incontri dei campionati Italiani di Serie A, Serie B e Serie C in programma nel fine settimana dal 28 febbraio al 1 marzo p.v. e loro riprogrammazione nella giornata di domenica 22 marzo, con la conclusione dei rispettivi campionati che verrà posticipata di una settimana rispetto ai calendari precedentemente annunciati.

La Federazione continuerà a lavorare al fianco delle autorità nazionali e locali e coopererà per garantire l’applicazione delle corrette misure al fine di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica a tutela della salute pubblica, dei tesserati e delle loro famiglie. Il Comitato regionale Sicilia FIR invita tutte le società affiliate e i tesserati raggiunti dalle disposizioni delle autorità locali al rispetto delle indicazioni in tema di contenimento dell’emergenza.

di Michele Minnicino 20302 Articles
Condirettore, giornalista professionista, specializzato in Opinione Pubblica e Comunicazione di Massa, ha collezionato esperienze lavorative nei diversi settori dell’informazione, carta stampata, televisione, uffici stampa di associazioni di Consumatori e Consorzi Pubblici, insegnamento del giornalismo agli studenti degli istituti superiori.

Diventa il primo a commentare

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*